02 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Iran. In migliaia nel luogo di sepoltura di Mahsa Amini. “Morte al dittatore”. Polizia spara sui manifestanti

- Advertisement -

AgenPress – La polizia iraniana ha sparato sui manifestanti a Saqqez, città natale di Mahsa Amini, morta in carcere dopo essere stata arrestata per aver indossato l’hijab “in modo improprio”.

In migliaia si sono radunati vicino alla tomba della donna curda e si sono scontrati con la sicurezza, a 40 giorni dalla sua morte.

Un gruppo per i diritti umani e testimoni hanno affermato che gli agenti hanno sparato proiettili veri e gas lacrimogeni contro la folla in città.

Le proteste hanno attraversato l’Iran dopo la morte della signora Amini, 22 anni, il 16 settembre.

Era stata arrestata tre giorni prima dalla polizia morale nella capitale, Teheran, ed era caduta in coma dopo essere crollata in un centro di detenzione.

Ci sono state notizie secondo cui gli agenti l’hanno picchiata con un manganello e le hanno sbattuto la testa contro un veicolo, ma la polizia ha negato che fosse stata maltrattata e ha detto che aveva subito un infarto.

Le forze di sicurezza sono state dispiegate a Saqqez e in altre parti della provincia del Kurdistan, in attesa di nuove manifestazioni. 

I video mostravano migliaia di persone in lutto che camminavano lungo una stradaattraverso un campo e un fiume per aggirare i blocchi stradali e raggiungere il cimitero dove è sepolta Amini.

La folla è stata sentita gridare “Donna, vita, libertà” e “Morte al dittatore” – due dei cori distintivi del movimento di protesta – oltre a “Abbasso i traditori” e “Il Kurdistan sarà il cimitero dei fascisti” .

 

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere