01 Feb, 2023

Ultimi Articoli

Iran. Almeno 100 manifestanti rischiano l’impiccagione. 476 sono stati uccisi, tra cui 64 bambini e 34 donne

- Advertisement -

AgenPress –  Almeno 476 persone, tra cui 64 bambini e 34 donne, sono state uccise dalle forze di sicurezza durante le attuali proteste a livello nazionale. L’aumento del bilancio delle vittime si riferisce a casi accertati di recente nei primi due mesi delle proteste.

Dei 64 bambini, nove erano femmine. Avevano tutti meno di 18 anni, ma non tutti sono stati verificati attraverso prove documentali. Iran Human Rights sta lavorando per ottenere la conferma della loro età.

Inoltre, almeno 100 manifestanti sono attualmente a rischio di esecuzione, accuse di pena di morte o condanne. Questo è un minimo poiché la maggior parte delle famiglie è sotto pressione per rimanere in silenzio, si ritiene che il numero reale sia molto più alto.

È importante notare che tutti gli imputati nei seguenti casi sono stati privati ​​del diritto di accedere al proprio avvocato, a un giusto processo ea processi equi. Nei casi in cui sono riusciti a stabilire un contatto o i dettagli dei loro casi riportati da compagni di cella e difensori dei diritti umani, tutti sono stati sottoposti a torture fisiche e mentali per forzare false confessioni autoincriminanti. In molti casi, le loro confessioni forzate sono state trasmesse prima dell’inizio di qualsiasi procedimento legale, violando il loro diritto alla presunzione di innocenza fino a prova contraria. C’è ambiguità in molti casi a causa della mancanza di trasparenza della Repubblica islamica. 

Il direttore di Iran Human Rights, Mahmood Amiry Moghaddam ha dichiarato: “Nonostante siano trascorsi più di 100 giorni dall’inizio delle proteste a livello nazionale, centinaia siano stati uccisi, migliaia arrestati e manifestanti giustiziati, la rivolta del popolo per un vero cambiamento e il raggiungimento dei diritti fondamentali continua. La sfida che le persone devono affrontare è il prezzo che devono pagare per raggiungere questo obiettivo. Una partecipazione più diffusa all’interno e all’esterno del Paese e la comunità internazionale che sostiene questa rivolta possono aiutare a ridurre i costi”.

I manifestanti sono stati uccisi in 25 province, con la maggior parte delle segnalazioni rispettivamente in Sistan e Baluchistan, Azerbaigian occidentale, Kurdistan, Teheran e Mazandaran.

 

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere