09 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Intelligence Ue. Sospetti sulla Russia per il sabotaggio. Navi e sottomarini russi in area falle Nord Stream

 AgenPress – I funzionari della sicurezza europea lunedì e martedì hanno osservato le navi di supporto della Marina russa in prossimità di perdite negli oleodotti del Nord Stream probabilmente causate da esplosioni sottomarine, secondo due funzionari dell’intelligence occidentale e un’altra fonte a conoscenza della questione.
- Advertisement -

Non è chiaro se le navi abbiano qualcosa a che fare con quelle esplosioni, hanno detto queste fonti e altri, ma è uno dei tanti fattori che gli investigatori esamineranno.

Anche i sottomarini russi sono stati osservati non lontano da quelle aree la scorsa settimana, ha detto uno dei funzionari dell’intelligence.

Tre funzionari statunitensi hanno affermato che gli Stati Uniti non hanno ancora una spiegazione completa per ciò che è accaduto, giorni dopo che le esplosioni sembravano causare tre perdite separate e simultanee nei due gasdotti lunedì.

Le navi russe operano regolarmente nell’area, secondo un ufficiale militare danese, il quale ha sottolineato che la presenza delle navi non indica necessariamente che la Russia abbia causato il danno.

“Li vediamo ogni settimana”, ha detto questa persona. “Le attività russe nel Mar Baltico sono aumentate negli ultimi anni. Spesso mettono alla prova la nostra consapevolezza, sia in mare che in aria”.

Ma gli avvistamenti gettano ancora ulteriori sospetti sulla Russia , che ha attirato la massima attenzione da parte di funzionari sia europei che statunitensi in quanto l’unico attore nella regione ritenuto avere sia la capacità che la motivazione per danneggiare deliberatamente gli oleodotti.

I funzionari statunitensi hanno rifiutato di commentare l’intelligence sulle navi mercoledì.

Sia la Danimarca che la Svezia stanno indagando, ma un’ispezione del sito deve ancora essere eseguita e i dettagli su cosa abbia causato esattamente le esplosioni rimangono imprecisi. Un funzionario europeo ha affermato che è in corso una valutazione del governo danese e che potrebbero essere necessarie fino a due settimane prima che un’indagine inizi correttamente perché la pressione nei tubi rende difficile avvicinarsi al luogo delle perdite, sebbene un’altra fonte abbia familiarità con la questione ha detto che l’indagine potrebbe iniziare non appena domenica.

I primi ministri sia della Danimarca che della Svezia hanno dichiarato pubblicamente martedì che le fughe di notizie erano probabilmente il risultato di azioni deliberate, non di incidenti, e il servizio di sicurezza svedese ha dichiarato mercoledì in una dichiarazione che non si può escludere “che dietro ci sia una potenza straniera. ” Martedì sera anche il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense Jake Sullivan ha definito le fughe di notizie “apparente sabotaggio” in un tweet.

Ma fino ad ora alti funzionari occidentali si sono fermati prima di attribuire l’attacco alla Russia o a qualsiasi altra nazione.

Il Cremlino ha pubblicamente negato di aver colpito gli oleodotti. Un portavoce ha definito l’accusa “prevedibilmente stupida e assurda”.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere