06 Ott, 2022

Ultimi Articoli

Inquinamento da plastica. In tutto il mondo gli uccelli vivono e nidificano nella nostra spazzatura

AgenPress – Uccelli di tutti i continenti tranne l’Antartide sono stati fotografati mentre nidificano o si aggrovigliano nella nostra spazzatura.

Le foto sono state inviate da persone di tutto il mondo a un progetto online chiamato Birds and Debris .

Gli scienziati che gestiscono il progetto affermano di vedere uccelli intrappolati – o nidificanti – in qualsiasi cosa, dalla corda e lenza al nastro di palloncini e alle infradito.

Quasi un quarto delle fotografie mostra uccelli che nidificano o impigliati in maschere facciali usa e getta.

L’obiettivo del progetto è catturare l’impatto dei rifiuti, in particolare l’inquinamento da plastica, sul mondo aviario.

Mary Caporal Prior negli Stati Uniti ha catturato questa immagine di un germano reale con una maschera intorno al colloFONTE IMMAGINE,MARIA CAPORALE PRIORE
Un germano reale con una maschera intorno al collo

“Fondamentalmente, se un uccello costruisce un nido usando materiali fibrosi lunghi – come alghe, rami o canne – è probabile che abbia detriti umani nel nido da qualche parte”, ha affermato il dottor Alex Bond del Museo di storia naturale di Londra, e uno dei i ricercatori coinvolti.

Il progetto, che lui ei suoi colleghi portano avanti da quattro anni, mira a richiamare l’attenzione sul problema diffuso dei rifiuti di plastica nell’ambiente.

I piccioni che nidificano in un cantiere edile nel Sussex utilizzano fascette per cavi scartateFONTE IMMAGINE,MATTEO IRLANDESE
I piccioni che nidificano in un cantiere edile nel Sussex utilizzano fascette per cavi scartate

“Quando inizi a cercare questa roba, la vedrai ovunque. E questo ha davvero illustrato l’enorme portata geografica – abbiamo avuto rapporti da Giappone, Australia, Sri Lanka, Regno Unito, Nord America – è davvero una questione globale”.

In uno studio recente, il team ha esaminato quante delle foto inviate presentano dispositivi di protezione individuale (DPI) correlati alla pandemia. Hanno scoperto che era presente in quasi un quarto delle fotografie presentate.

Un tarabuso nero con una maschera intorno al becco (c) Adrian Silas TayFONTE IMMAGINE,ADRIAN SILA TAY
Le maschere, come questa su un tarabuso nero a Singapore, sono gli oggetti legati alla pandemia più comuni nelle fotografie

“Sono quasi tutte maschere”, ha detto il dottor Bond. “E se pensi ai diversi materiali di cui è fatta una maschera chirurgica, c’è l’elastico che vediamo aggrovigliato attorno alle gambe degli uccelli o potremmo vedere uccelli feriti cercando di ingerire il tessuto o il pezzo di plastica dura che lo fissa sopra il tuo naso.

“Quindi usiamo questo termine generico di ‘plastica’, ma è un’intera gamma di polimeri diversi e le maschere ne sono un buon esempio”.

Un pettirosso americano aggrovigliato in una mascheraFONTE IMMAGINE,JAKE KENNY
Molti uccelli, come questo pettirosso americano ritrovato nell’aprile 2020, si vedono aggrovigliati negli elastici delle maschere

I ricercatori affermano di voler evidenziare il “problema sistemico” che porta così tanti detriti a finire nell’ambiente.

La ricercatrice capo Justine Ammendolia della Dalhousie University in Canada ha detto a BBC News che vedere l’ampiezza dell’impatto sulle specie a livello globale è stato “devastante”.

“Nell’aprile del 2020, il primo avvistamento di un uccello appeso a una maschera su un albero è stato registrato dal Canada e gli avvistamenti sono avvenuti in seguito a una cascata internazionale. Dimostra davvero il danno che gli esseri umani sono in grado di imporre all’ambiente in una brevissima finestra di tempo in tutto il mondo”.

Questa folaga nei Paesi Bassi è difficile da individuare in mezzo a tutta la spazzatura nel suo nidoFONTE IMMAGINE,SAM M
Questa folaga nei Paesi Bassi è difficile da individuare in mezzo a tutta la spazzatura nel suo nido

“Passare a uno spazzolino da denti in bambù o a una borsa della spesa di tela non salverà il mondo, [perché] la maggior parte della produzione di plastica su larga scala oggi è commerciale e industriale”, ha affermato il dottor Bond.

“Quindi è una combinazione di politiche dall’alto verso il basso e pressione dal basso verso l’alto per noi per dire ‘abbastanza’”.

Un'ala di cera di cedro fotografata in CanadaFONTE IMMAGINE,MALCOM JOLLY

La ricercatrice del PhD Justine Ammendolia ha aggiunto: “Per le persone che vedono queste immagini per la prima volta, va bene sentirsi tristi. Ma dobbiamo imparare dalla sofferenza non necessaria e spesso invisibile che alcuni animali selvatici hanno vissuto durante la pandemia.

“Spero che le persone usino la loro tristezza per alimentare la loro richiesta di azione”.

Uno svasso cornuto con la lenza aggrovigliata attorno al beccoFONTE IMMAGINE,JOE CHOWANIEC
I ricercatori affermano che dobbiamo imparare dalla sofferenza spesso invisibile della fauna selvatica

Il dottor Bond ha paragonato l’azione globale necessaria per affrontare l’inquinamento da plastica al Protocollo di Montreal che vietava le sostanze chimiche dannose per l’ozono, un trattato ampiamente considerato uno degli accordi globali di maggior successo mai firmati.

“Abbiamo bisogno della stessa cosa con l’inquinamento da plastica e ci stiamo muovendo in quella direzione, ma molto, molto lentamente”.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere