02 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Indonesia. Stretta di mano tra Joe Biden e Xi Jinping. “Dobbiamo gestire le nostre differenze”

- Advertisement -

AgenPress – Il presidente Joe Biden e il presidente cinese Xi Jinping hanno aperto il loro primo incontro di persona da quando il presidente degli Stati Uniti è entrato in carica quasi due anni fa, tra le crescenti tensioni economiche e di sicurezza tra le due superpotenze mentre competono per il influenza.

Xi e Biden si sono salutati con una stretta di mano in un hotel resort di lusso in Indonesia, dove stanno partecipando al vertice delle grandi economie del Gruppo dei 20. Quando hanno iniziato la loro conversazione, Biden ha detto che lui e Xi hanno la “responsabilità” di dimostrare che le loro nazioni possono “gestire le nostre differenze” e identificare aree di cooperazione reciproca. Xi ha aggiunto che è  pronto ad avere uno “scambio di opinioni schietto e approfondito” con Biden.

Entrambi gli uomini hanno partecipato all’attesissimo incontro con una posizione politica rafforzata a casa. I democratici hanno mantenuto trionfalmente il controllo del Senato degli Stati Uniti, con la possibilità di aumentare i loro ranghi di uno in un ballottaggio in Georgia il mese prossimo, mentre Xi ha ricevuto un terzo mandato di cinque anni in ottobre dal congresso nazionale del Partito Comunista, una rottura con tradizione.

“Abbiamo pochissimi malintesi”, ha detto Biden ai giornalisti domenica a Phnom Penh, in Cambogia, dove ha partecipato a un raduno delle nazioni del sud-est asiatico prima di partire per l’Indonesia. “Dobbiamo solo capire dove sono le linee rosse e … quali sono le cose più importanti per ognuno di noi nei prossimi due anni”.

Le relazioni tra Stati Uniti e Cina sono diventate più tese sotto le successive amministrazioni americane, poiché le differenze economiche, commerciali, dei diritti umani e della sicurezza sono emerse in primo piano.

Biden ha ripetutamente incaricato la Cina di violazioni dei diritti umani contro il popolo uiguro e altre minoranze etniche, repressione degli attivisti per la democrazia a Hong Kong, pratiche commerciali coercitive, provocazioni militari contro l’autogoverno Taiwan e divergenze sul proseguimento della guerra da parte della Russia contro l’Ucraina. I funzionari cinesi si sono ampiamente astenuti dalle critiche pubbliche alla guerra russa, sebbene Pechino abbia evitato il sostegno diretto come la fornitura di armi.

Taiwan è emersa come una delle questioni più controverse tra Washington e Pechino. Più volte durante la sua presidenza, Biden ha affermato che gli Stati Uniti avrebbero difeso l’isola – che la Cina ha previsto per un’eventuale unificazione – in caso di un’invasione guidata da Pechino. Ma i funzionari dell’amministrazione hanno sottolineato ogni volta che la politica “One China” degli Stati Uniti non è cambiata. Tale politica riconosce il governo di Pechino pur consentendo relazioni informali e legami di difesa con Taipei, e la sua posizione di “ambiguità strategica” sul fatto che risponderebbe militarmente se l’isola fosse attaccata.

La tensione è aumentata ancora di più quando la presidente della Camera Nancy Pelosi, D-California, ha visitato Taiwan ad agosto, spingendo la Cina a reagire con esercitazioni militari e il lancio di missili balistici nelle acque vicine.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere