03 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Il racconto della prigionia delle 108 donne ucraine. Torturate dai russi con corrente elettrica e acqua bollente

AgenPress – 108 donne sono tornate in Ucraina con uno scambio di prigionieri, secondo il capo dell’ufficio presidenziale Andriy Yermak. Tra loro ci sono 11 ufficiali, 85 soldatesse e sergenti e 37 prigioniere di guerra dallo stabilimento di Azovstal, l’acciaieria di Mariupol che è stata sotto assedio per settimane durante l’estate. Altre 12 donne sono civili. Yermak ha aggiunto che tra quelle scambiate vi sono anche donne “imprigionate illegalmente prima dell’invasione su larga scala“. Il capo dell’ufficio presidenziale non ha detto chi o quanti prigionieri russi siano stati scambiati. Secondo il Kyiv Independent, è il più grande scambio dal 21 settembre, quando 215 prigionieri di guerra, inclusi molti difensori dell’Azovstal, sono stati riportati a casa.
Raccontano di essere state torturate con corrente elettrica, picchiate con martelli, appese e scottate con acqua bollente”…
- Advertisement -

Ai rappresentanti dei media non è stato permesso di vedere con i propri occhi come si svolge esattamente la procedura di scambio, come le donne ucraine liberate hanno attraversato il territorio controllato dal nostro paese e salgono sugli autobus.

Innanzitutto, nessuno può essere completamente sicuro che la Russia non cambierà idea, non interromperà lo scambio, non violerà il regime del silenzio e molti altri “no”. Quindi, ai giornalisti è stato offerto di aspettare semplicemente al punto condizionale “A”. Siamo stati avvertiti che sia le donne militari che quelle civili dovrebbero essere liberate dalla prigionia. Hanno anche avvertito che potevano rifiutarsi di comunicare. Quindi eravamo anche pronti per il fatto che avremmo semplicemente visto le difensori ucraine attraverso il finestrino dell’autobus, ci avrebbero salutato (o forse no) – e basta.

“Ci hanno detto che ci avrebbero sparato come cani”

La 26enne Hanna O., un militare della 36a Brigata dei Marines, è tornata a casa in uno degli autobus. La ragazza è stata in prigione per 6 mesi e 4 giorni. Ha lasciato lo stabilimento di Azovmash quando gli occupanti hanno iniziato a bombardarlo. La ragazza dice che se non si fossero arresi, sarebbero sicuramente morti. “Non ci posso credere ora… ho sognato tante volte che eri a casa…” – ammette Hanna. Parla della prigionia con le lacrime.

“Ci trattavano come animali. Ti dirò di più: anche gli animali non si comportano così. Picchiavano le ragazze, torturavano le ragazze con la corrente elettrica, le picchiavano con i martelli, questa è la cosa più facile. Mi hanno impiccato. Non parlo per niente del cibo, perché era acido, non danno da mangiare nemmeno ai cani, quelli che erano tatuati… ci volevano tagliare le mani, tagliare i tatuaggi, scottarsi con l’ebollizione acqua solo perché sei, perché sei nei marines, perché parli ucraino”, dice a proposito dell’orrore, sopravvissuto, un militare.

Alla domanda su cosa lo abbia aiutato a sopravvivere, ammette: “Il sogno di tornare a casa”.

 

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere