02 Feb, 2023

Ultimi Articoli

Il 2022 è stato il secondo anno consecutivo che ha visto “forti aumenti” del numero di ingressi irregolari nell’Ue

- Advertisement -

330 000 attraversamenti irregolari delle frontiere rilevati nel 2022, il numero più elevato dal 2016

Il 45% di tutti gli ingressi irregolari nel 2022 è avvenuto attraverso i Balcani occidentali

Maggiore aumento nella rotta dei Balcani occidentali e del Mediterraneo orientale

I cittadini di Siria, Afghanistan e Tunisia segnalati più frequentemente


AgenPress. Nel 2022, secondo calcoli preliminari, sono stati rilevati circa 330 000 attraversamenti irregolari alle frontiere esterne dell’UE. Questo è il numero più alto dal 2016 e un aumento del 64% rispetto all’anno precedente.

Dopo il minimo indotto dalla pandemia nel 2020, questo è stato il secondo anno consecutivo con un forte aumento del numero di ingressi irregolari. La rotta dei Balcani occidentali rappresentava quasi la metà del totale. Siriani, afgani e tunisini insieme hanno rappresentato il 47% dei rilevamenti nel 2022. Il numero di siriani è quasi raddoppiato a 94.000.

Le donne hanno rappresentato meno di uno su dieci dei rilevamenti, mentre la percentuale di minori segnalati è leggermente diminuita a circa il 9% di tutti i rilevamenti.

Separatamente, tra il 24 febbraio 2022 e la fine dell’anno sono stati contati quasi 13 milioni di rifugiati ucraini all’ingresso alle frontiere terrestri esterne dell’UE dall’Ucraina e dalla Moldavia, che non sono inclusi in queste cifre. Nello stesso periodo, 10 milioni di cittadini ucraini sono stati segnalati in uscita dalle stesse sezioni di frontiera. 

L’anno scorso l’UE ei paesi associati a Schengen hanno affrontato sfide senza precedenti alle loro frontiere esterne. Questi hanno spaziato dalla migrazione organizzata dallo stato perpetrata dalla Bielorussia dal 2021 in poi all’invasione russa dell’Ucraina nel febbraio 2022. Quest’ultima ha causato un numero record di rifugiati che arrivano nell’Unione europea. 

LE ROTTE

La rotta dei Balcani occidentali

Nel 2022 sono stati segnalati 145 600 attraversamenti di frontiera irregolari sulla rotta dei Balcani occidentali, il 136 % in più rispetto al 2021. Si tratta del numero più elevato di attraversamenti segnalati su questa rotta dal 2015 e circa la metà di tutti gli ingressi irregolari segnalati nel 2022.

I cittadini di Siria, Afghanistan e Türkiye hanno rappresentato il maggior numero di rilevamenti. Sono state segnalate anche nazionalità che in precedenza erano state poche su questa rotta, come tunisini, indiani e burundesi.

La rotta del Mediterraneo centrale

Il numero di rilevamenti nel Mediterraneo centrale è aumentato di oltre la metà, superando di gran lunga i 100.000 rilevamenti.

Egiziani, tunisini e bengalesi sono state le prime tre nazionalità in un anno che ha visto il maggior numero di arrivi in ​​questa regione dalla Libia dal 2017 e il maggior numero dalla Tunisia nella storia recente. 

La rotta del Mediterraneo orientale

Nel 2022 sono stati rilevati circa 42 800 attraversamenti irregolari delle frontiere lungo la rotta del Mediterraneo orientale. Siriani, afghani e nigeriani erano le principali nazionalità segnalate. Le cifre sono quasi raddoppiate rispetto al 2022, ma sono rimaste al di sotto della metà delle cifre nel 2019.

Altri percorsi

La rotta del Mediterraneo occidentale ha visto una diminuzione della pressione migratoria nel 2022 con circa un quinto in meno di rilevamenti rispetto all’anno precedente. Sebbene l’80 % dei migranti irregolari provenga da paesi dell’Africa nordoccidentale, le nazionalità selezionate dell’Africa subsahariana hanno registrato aumenti importanti, così come i siriani.

Sulla rotta dell’Africa occidentale , nel 2022 ci sono stati 15.460 arrivi, il 31% in meno rispetto al 2021. Più di due terzi dei migranti rilevati provenivano dal Marocco e da vari paesi subsahariani.

Nel Canale della Manica sono stati rilevati oltre 71 000 attraversamenti irregolari delle frontiere all’uscita, tra tentativi e riusciti. Nella Manica sono state registrate oltre 50 nazionalità diverse, la maggior parte provenienti dal Medio Oriente, dall’Albania e dal Corno d’Africa.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere