10 Dic, 2022

Ultimi Articoli

I russi fuggono in auto, bicicletta, scooter e a piedi. “Non ucciderò i miei fratelli ucraini o andrò in prigione”

- Advertisement -

AgenPress – Lunghe file di russi che cercano di sfuggire alla chiamata a combattere in Ucraina hanno continuato a intasare le autostrade fuori dal Paese mercoledì e, secondo quanto riferito, Mosca ha istituito uffici di leva ai confini per intercettarne alcuni.

L’Ossezia del Nord, una regione russa che confina con la Georgia, ha dichiarato lo stato di “alta allerta” e ha affermato che cibo, acqua, stazioni di riscaldamento e altri aiuti dovrebbero essere portati per coloro che hanno trascorso giorni in coda. Anche i volontari sul lato georgiano del confine hanno portato acqua, coperte e altri aiuti.

L’Ossezia del Nord ha vietato a molte autovetture di entrare nel suo territorio e ha istituito un ufficio di leva al valico di frontiera di Verkhy Lars, hanno affermato le agenzie di stampa russe. Alcuni media hanno rilasciato foto all’incrocio che mostrano un furgone nero con scritto “ufficio di arruolamento militare”.

Un altro posto di blocco di questo tipo è stato istituito in Russia lungo il confine con la Finlandia, secondo il notiziario russo indipendente Meduza.

Decine di migliaia di uomini russi sono fuggiti nella settimana da quando il presidente Vladimir Putin ha annunciato una mobilitazione per sostenere le forze russe in lotta in Ucraina. 

Sebbene Putin abbia affermato che la convocazione era “parziale”, mirata a richiamare circa 300.000 uomini con passato servizio militare, molti russi temono che sarà molto più ampia e arbitraria di così. Ci sono numerose segnalazioni di uomini senza addestramento militare e di tutte le età che hanno ricevuto avvisi di leva.

Alexander Kamisentsev, che ha lasciato la sua casa a Saratov per la Georgia, ha descritto la scena sul lato russo del confine.

“È tutto molto spaventoso: lacrime, urla, un numero enorme di persone. C’è la sensazione che il governo non sappia come organizzarlo. Sembra che vogliano chiudere il confine, ma allo stesso tempo hanno paura che possano seguire proteste e lasciano che le persone se ne vadano”. 

Ha detto di aver deciso all’ultimo momento di andarsene “perché non ucciderò i miei fratelli ucraini o andrò in prigione”.

I manifestanti che portavano bandiere georgiane e ucraine e cartelli come “Russia Kills” hanno salutato i russi al confine mercoledì. Giga Lemonjava del partito politico Droa, che ha organizzato la protesta, ha affermato che gli sfollati minacciano la sicurezza e l’economia della Georgia.

Una manifestante, Helen Khoshtaria, ha twittato: “Abbiamo organizzato una protesta al confine oggi in modo che i russi in arrivo sappiano come ci sentiamo riguardo al loro ‘mondo russo'”.

I russi hanno attraversato in auto, bicicletta, scooter e a piedi. Secondo Yandex Maps, martedì l’ingorgo che porta a Verkhny Lars, una città vicino al confine tra Georgia e Ossezia del Nord, si è esteso per circa 15 chilometri (oltre 9 miglia).

Il ministero dell’Interno della Georgia ha dichiarato che oltre 53.000 russi sono entrati nel paese dalla scorsa settimana.

Ci sono anche lunghe file al confine con il Kazakistan, che ha accolto più di 98.000 russi nell’ultima settimana. La Russia ha confini terrestri con 14 paesi.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere