30 Gen, 2023

Ultimi Articoli

Hong Kong non sequestrerà il superyacht dell’oligarca russo, amico di Putin e sanzionato dagli Stati Uniti

- Advertisement -

AgenPress – Hong Kong ha detto che non sequestrerà il superyacht di un oligarca russo che è soggetto alle sanzioni occidentali.

John Lee ha affermato che Hong Kong sarà responsabile delle sanzioni delle Nazioni Unite ma non di quelle “unilaterali” imposte dalle “giurisdizioni individuali”.

Lo yacht da 521 milioni di dollari (472 milioni di sterline) appartiene ad Alexei Mordashov, un alleato del presidente russo Vladimir Putin e uno degli uomini più ricchi del paese.

Il suo yacht è arrivato a Hong Kong la scorsa settimana dopo essere salpato dalla Russia.

Il miliardario è stato sanzionato da Stati Uniti, Regno Unito e UE dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina all’inizio di quest’anno.

Ma il governo di Hong Kong ha affermato di non essere vincolato da tali sanzioni. Da quasi una settimana, il superyacht a più piani Nord è stato uno spettacolo notevole nel Victoria Harbour della città con la bandiera russa che sventola sull’albero maestro.

“Rispetteremo le sanzioni delle Nazioni Unite, questo è il nostro sistema, questo è il nostro stato di diritto”, ha affermato Lee, che è stato lui stesso sanzionato dagli Stati Uniti per il suo ruolo nell’attuazione della legge repressiva sulla sicurezza nazionale di Hong Kong.

Gli Stati Uniti, l’UE e il Regno Unito hanno sanzionato centinaia di russi e le loro imprese. La Cina, tuttavia, è rimasta un alleato russo e finora non ha condannato la decisione di Mosca di invadere l’Ucraina.

“La reputazione di Hong Kong come centro finanziario dipende dal rispetto delle leggi e degli standard internazionali”, ha affermato un portavoce del Dipartimento di Stato americano. “Il possibile utilizzo di Hong Kong come rifugio sicuro da parte di individui che eludono le sanzioni di più giurisdizioni mette ulteriormente in discussione la trasparenza dell’ambiente imprenditoriale”.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere