25 Set, 2022

Ultimi Articoli

Hong Kong. Migliaia di persone rendono omaggio alla Regina Elisabetta

AgenPress – Migliaia di persone a Hong Kong hanno reso omaggio alla regina Elisabetta II, in uno dei più grandi raduni pubblici da quando la Cina ha represso le manifestazioni di dissenso politico nell’ex colonia britannica più di due anni fa.

Folle di oltre 2.500 persone di età diverse si sono messe in fila per ore fuori dal consolato britannico lunedì, sopportando temperature soffocanti di 33 gradi Celsius (91 Fahrenheit), per lasciare fiori, fotografie incorniciate e messaggi di ringraziamento alla “signora capo” o “signora responsabile ” – come veniva spesso chiamata in cantonese durante gli anni coloniali.

Per alcuni di loro, questa non era solo una questione di lutto per un monarca che aveva governato la città per 45 anni, ma una sottile forma di protesta per il modo in cui la Cina ha stretto la presa su una città un tempo a ruota libera e turbolenta che i critici contestano ha visto le sue libertà civili costantemente erose da quando gli inglesi cedettero la sovranità a Pechino 25 anni fa.

Le riunioni pubbliche sono state rare da quando la Cina ha imposto una legge sulla sicurezza nazionale nel giugno 2020 nel tentativo di estinguere le proteste a favore della democrazia sempre più energiche che stavano scuotendo la città dal 2019. Quel giro di vite, insieme alle restrizioni sul coronavirus che i critici sostengono siano a volte co- optato per scopi politici hanno effettivamente messo a tacere la maggior parte delle forme palesi di raduno di massa o di dissenso pubblico.

Ma nel celebrare la monarchia e i suoi simboli, alcuni cittadini di Hong Kong vedono un’opportunità per uno scavo velato sia al Partito Comunista Cinese, che non ha nascosto il suo desiderio che gli abitanti di Hong Kong dimentichino l’epoca, sia alle autorità locali che hanno recentemente introdotto i libri di scuola che affermano che la città non è mai stata nemmeno una colonia. I libri si riferiscono invece al periodo del dominio britannico come a una “occupazione forzata”.

Il lutto per la regina potrebbe non sembrare conflittuale, soprattutto considerando che sia il leader cinese Xi Jinping che l’amministratore delegato di Hong Kong John Lee (un ex agente di polizia che ha iniziato la sua carriera con la Royal Hong Kong Police Force nel 1977) hanno espresso le loro condoglianze” al Regno Unito.

Ma le manifestazioni di affetto ricordano anche le proteste pro-democrazia della città, durante le quali i manifestanti hanno adottato la bandiera coloniale come segno di resistenza al governo del partito unico cinese.

Al culmine delle proteste del 2019, manifestanti anti-governativi hanno fatto irruzione nell’aula legislativa della città, deturpandola con graffiti che chiedevano il suffragio universale mentre appendevano la bandiera coloniale sul sedile del presidente del consiglio.

I legami della Gran Bretagna con Hong Kong risalgono al 19° secolo, quando il desiderio dell’impero di imporre l’oppio alla Cina, sia nel commercio che attraverso la dipendenza della sua popolazione dalla droga illecita, sfociò in due guerre che costrinsero la Cina a cedere la terra agli inglesi.

La Gran Bretagna ha governato Hong Kong per 156 anni fino a quando non è stata restituita alla Cina nel 1997 come parte di un accordo di lunga data, ma i segni dell’influenza britannica rimangono nei nomi delle strade inglesi della città e nell’uso del sistema di common law.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere