06 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Grecia. Affonda una nave di migranti, recuperati i corpi di 16 donne ed un ragazzo. Una dozzina i dispersi

- Advertisement -

AgenPress – Almeno 16 donne ed un ragazzo sono morti e altre decine sono disperse dopo che una nave di migranti è affondata al largo dell’isola greca di Lesbo mercoledì notte.

I corpi recuperati appartengono a 16 donne di origine nordafricana e a un ragazzo. Il portavoce della guardia costiera Nikos Kokkalas ha spiegato alla televisione greca ERT che altre dieci donne sono state tratte in salvo, mentre si cerca una dozzina di dispersi. Si suppone infatti che circa 40 persone viaggiassero a bordo della barca naufragata di fronte a Lesbo.

“Le donne che sono state salvate erano in preda al panico, quindi stiamo ancora cercando di capire cosa è successo”, ha detto alla televisione di stato il portavoce della guardia costiera Nikos Kokkalas. “Le donne provenivano tutte da paesi africani, dai 20 anni in su. … C’è una ricerca a terra oltre che in mare e speriamo che i sopravvissuti siano riusciti a sbarcare. “

Il secondo salvataggio è stato lanciato diverse centinaia di chilometri (miglia) a ovest, al largo dell’isola di Kythira, dove una barca a vela ha colpito delle rocce ed è affondata.

Altrove in Grecia decine di migranti sono stati soccorsi quando la loro barca ha colpito delle rocce vicino all’isola meridionale di Kythira.

Il video della guardia costiera mostrava un gruppo di persone intrappolate sotto una scogliera mentre i soccorritori li tiravano in salvo.

Entrambe le barche sono affondate a poche ore l’una dall’altra mercoledì notte e giovedì presto, a centinaia di chilometri l’una dall’altra.

I volontari si sono uniti ai soccorritori in cima alla scogliera di Kythira, un’isola al largo della regione del Peloponneso, nel sud della Grecia.

La nave dei migranti si è guastata vicino al porto orientale dell’isola a Diakofti con venti fino a 70 km/h (45 mph) e secondo i rapporti greci uno di quelli a bordo ha lanciato l’allarme quando ha avuto problemi.

“Potevamo vedere la barca schiantarsi contro le rocce e le persone che si arrampicavano su quelle rocce per cercare di salvarsi”, ha detto una residente locale. 

Ottanta delle 95 persone a bordo sono state salvate sulla costa di Kythira. I rapporti dicono che provenivano originariamente dall’Iran, dall’Afghanistan e dall’Iraq.

Nel frattempo, a Lesbo, le autorità hanno riferito che i corpi di 16 giovani donne di origine africana sono stati recuperati dopo che la loro barca è affondata vicino a Thermi. Nove donne sono state soccorse e portate all’ospedale locale di Mytilini. “Già oggi molte vite perse nell’Egeo, persone stanno annegando in navi inadatte alla navigazione. L’UE deve agire”.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere