30 Set, 2022

Ultimi Articoli

Gb. Oggi l’elezione del successore di Boris Johnson. Favorita Liz Truss

AgenPress – E’ prevista per le 12,30 locali, le 13,30 italiane, la proclamazione da parte del Comitato 1922 – organismo del gruppo parlamentare Tory – dei risultati del ballottaggio per la successione al dimissionario Boris Johnson come leader del Partito Conservatore britannico (maggioritario alla Camera dei Comuni) e, da domani, automaticamente anche come primo ministro.

Tutte le previsioni indicano da settimane la vittoria di Liz Truss, 47 anni, titolare degli Esteri in carica, su Rishi Sunak, cancelliere dello Scacchiere fino a luglio, quando con le sue dimissioni dal governo contribuì a far precipitare la crisi interna alla parrocchia Tory innescata dall’onda lunga del Partygate e di altri scandali verso l’uscita di scena di BoJo.

A votare sono circa 180.000 membri del partito dei Tory e il vincitore sarà annunciato domani 5 settembre. Se Truss dovesse avere la meglio su Sunak, diventerebbe la terza premier donna nella storia del Paese, dopo le conservatrici Thatcher e Theresa May.

Truss, 46 anni, è la preferita di molti conservatori, che venerano la Lady di ferro più di ogni altro leader. Mentre, secondo i critici, la ministra degli Esteri non avrebbe lo spessore necessario per guidare il Paese tra le turbolenze economiche e la guerra in Ucraina.

“Se sarò eletta primo ministro, entro una settimana farò in modo che ci sia un annuncio su come affronteremo la questione delle bollette energetiche e della fornitura a lungo termine per mettere questo Paese sulla destra punto di partenza per l’inverno”.

Chiunque trionfi probabilmente si recherà martedì per incontrare la regina Elisabetta II per ricevere un invito a formare un governo. Il ricevimento si tiene in genere a Buckingham Palace, ma la monarca 96enne si trova nella sua residenza scozzese a Balmoral e, per la prima volta durante il suo regno , riceverà lì Johnson e il suo successore.

Ma è probabile che le celebrazioni del prossimo Primo Ministro saranno brevi, con una spirale di crisi del costo della vita: le sole bollette energetiche medie annuali aumenteranno dell’80% a £ 3.549 (circa $ 4.180) da ottobre, minacciando di sopraffare gran parte del paese. Domenica, parlando a un programma politico della BBC, Truss ha rifiutato di discutere i suoi piani per affrontare i conti in aumento, ma ha aggiunto: “Quello che voglio rassicurare le persone è che agirò se eletto primo ministro entro una settimana”.

I critici l’hanno accusata di fare politica con la Brexit, adottando una posizione intransigente in un cinico tentativo di ottenere voti. Hanno sottolineato il fatto che durante la sua vita adulta, la politica di Truss si è evoluta dall’essere un antimonarchico in gioventù a favore della legalizzazione delle droghe, all’incarnazione dell’ala destra del Partito conservatore. La piattaforma della campagna di Truss ha caratterizzato l’abbondanza di carne rossa per l’adesione dei conservatori, da una linea dura contro l’UE sulla Brexit, a tagli alle tasse come sua soluzione principale alla crisi del costo della vita.

Qualunque sia il risultato, Sunak o Truss prenderanno il controllo di un governo conservatore che deve affrontare molteplici crisi dopo 12 anni al potere. Oltre alla crisi del costo della vita, il prossimo primo ministro deve affrontare il crollo dei servizi pubblici e un incombente inverno di scioperi, il tutto sostenendo che i conservatori meritano di vincere uno storico quinto mandato alle prossime elezioni generali.

L’inflazione è salita oltre il 10% a luglio per la prima volta in 40 anni, trainata in gran parte dall’impennata dei costi di energia, cibo e carburante durante l’invasione russa dell’Ucraina. Secondo la Banca d’Inghilterra, l’inflazione salirà al 13% entro la fine dell’anno. La banca centrale ha anche previsto che il Regno Unito entrerà in recessione entro la fine dell’anno.

Per quanto ciò influisca sulla competizione per la leadership, gli analisti sono scettici sul fatto che le politiche di entrambi i candidati possano aiutare. L’Institute for Fiscal Studies, un gruppo di ricerca indipendente, il mese scorso ha affermato che i concorrenti alla leadership, che promettono sia tagli alle tasse che una spesa pubblica più contenuta, “devono riconoscere questa incertezza ancora maggiore del solito nelle finanze pubbliche”.

 

 

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere