05 Dic, 2022

Warning: Trying to access array offset on value of type bool in /home/ylnitcpg/public_html/wp-content/plugins/td-cloud-library/state/single/tdb_state_single.php on line 315

Warning: Trying to access array offset on value of type bool in /home/ylnitcpg/public_html/wp-content/plugins/td-cloud-library/state/single/tdb_state_single.php on line 315

Warning: Trying to access array offset on value of type bool in /home/ylnitcpg/public_html/wp-content/plugins/td-cloud-library/state/single/tdb_state_single.php on line 315

Warning: Trying to access array offset on value of type bool in /home/ylnitcpg/public_html/wp-content/plugins/td-cloud-library/state/single/tdb_state_single.php on line 315

Warning: Trying to access array offset on value of type bool in /home/ylnitcpg/public_html/wp-content/plugins/td-cloud-library/state/single/tdb_state_single.php on line 315

Ultimi Articoli

Francia. Danish Hasnain, accusato di aver ucciso Saman Abbas, non si oppone all’estradizione

- Advertisement -

AgenPress –  Danish Hasnain, zio di Saman Abbas, principale accusato dell’omicidio della diciottenne pachistana, scomparsa lo scorso 30 aprile da Novellara (Reggio Emilia) ha rinunciato ad opporsi all’estradizione dalla Francia in Italia.

Lo ha detto lui stesso ai giudici della Corte d’Appello, presi di sorpresa dopo che per 3 mesi Hasnain si era opposto all’estradizione. Appena avuta la parola, il pachistano ha detto: “non mi oppongo, non serve a niente che io resti qui”,  ha detto quando la giudice gli ha chiesto se si opponesse ancora all’estradizione – non posso parlare con mia moglie, non ho neppure soldi per telefonarle. Preferisco tornare in Italia e spiegarmi”.

Hasnain continua a proclamarsi innocente e conta di spiegarsi con le autorità italiane: “se fosse stato colpevole di quello per cui sono accusato, sarei fuggito in Pakistan, non qui”, ha aggiunto. Successivamente, ha chiesto alla corte di poter contattare la moglie, in Pakistan, una richiesta che al momento resta al vaglio dei giudici.

Hasnain non avrebbe un telefono cellulare in grado di poter telefonare in Pakistan, né i mezzi per procurarsi una scheda telefonica. Mercoledì prossimo, 12 gennaio, i giudici indicheranno la procedura da seguire per la consegna all’Italia in osservanza del mandato d’arresto europeo: “siamo stati colti di sorpresa – ha detto la presidente della Corte d’appello – fra una settimana indicheremo le modalità per la consegna”.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere