29 Set, 2022

Ultimi Articoli

Eurovision Song Contest. A causa dell’invasione russa sarà il Regno Unito ad ospitare l’evento il prossimo anno

AgenPress – L’Eurovision Song Contest si svolgerà nel Regno Unito il prossimo anno dopo che gli organizzatori dello spettacolo hanno deciso che non si sarebbe potuto tenere nel paese vincitore, l’Ucraina.

La guerra in corso dopo l’invasione russa di febbraio ha spinto la European Broadcasting Union (EBU) a cercare un host alternativo.

Il britannico Sam Ryder è arrivato secondo quest’anno, il che ha spinto l’EBU ad aprire i colloqui con la BBC il mese scorso.

Diverse città del Regno Unito hanno già espresso interesse per l’hosting.

Il Regno Unito ha un certo numero di luoghi con arene, alloggi e collegamenti di trasporto internazionali adeguati, con Londra e Manchester che hanno già confermato che faranno un’offerta ufficiale.

Leeds, Liverpool, Newcastle, Birmingham, Aberdeen, Londra, Brighton, Bristol, Belfast e Cardiff potrebbero lanciare i loro cappelli sul ring.

La procedura di gara per decidere quale città ospiterà inizierà questa settimana.

La BBC e la European Broadcasting Union (EBU) prenderanno in considerazione tutti gli approcci ufficiali e pubblicheranno la lista lunga entro la fine dell’estate.

I biglietti di solito vengono messi in vendita alcuni mesi prima del concorso, una volta scelta la sede specifica.

La data per la Grand Final del contest non è stata ancora annunciata, ma di solito avviene a maggio.

L’Ucraina si qualificherà automaticamente per la Grand Final, come di consueto per il vincitore, insieme ai cosiddetti Big Five, che comprende Regno Unito, Francia, Germania, Italia e Spagna.

Ognuno di loro va direttamente alla finale grazie al proprio contributo finanziario all’evento.

UA: La PBC lavorerà con la BBC per sviluppare gli elementi ucraini dello spettacolo.

Chernotytskyi ha aggiunto che, sebbene il concorso non si terrà lì, sarà “a sostegno dell’Ucraina”.

“Sono fiducioso che insieme saremo in grado di aggiungere lo spirito ucraino a questo evento e unire ancora una volta l’intera Europa attorno ai nostri valori comuni di pace, sostegno, celebrazione della diversità e del talento”.

Il primo ministro Boris Johnson e il segretario alla cultura Nadine Dorries hanno entrambi accolto con favore la notizia, pur riconoscendo le circostanze indesiderate.

“A seguito di una richiesta della European Broadcasting Union e delle autorità ucraine, sono lieta che la BBC abbia accettato di intervenire e ospitare il concorso del prossimo anno”, ha affermato la Dorries.

“Mi dispiace solo che a causa dei continui atti di spargimento di sangue della Russia non sia stato possibile ospitare l’evento in Ucraina, dove dovrebbe essere”.

Ha aggiunto che il Regno Unito “si assicurerà che rifletta la recente vittoria dell’Ucraina all’Eurovision e la creatività ucraina”.

Il direttore generale della BBC, Tim Davie, ha aggiunto: “È motivo di grande rammarico che i nostri colleghi e amici in Ucraina non siano in grado di ospitare l’Eurovision Song Contest 2023. “La richiesta di ospitare il concorso musicale più grande e complesso del mondo è un grande privilegio”.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere