06 Ott, 2022

Ultimi Articoli

Esplosioni in un deposito militare nella Crimea annessa alla Russia. Per Ucraina sono inizio demilitarizzazione

AgenPress – Esplosioni e incendi hanno colpito martedì un deposito militare nella Crimea annessa alla Russia, costringendo l’evacuazione di oltre 3.000 persone, la seconda volta negli ultimi giorni che l’ attenzione della guerra in Ucraina si è spostata sulla penisola.

La Russia ha accusato le esplosioni in un deposito di munizioni a Mayskoye di un “atto di sabotaggio” senza nominare gli autori. Come per le esplosioni della scorsa settimana , hanno portato alla speculazione che l’Ucraina potrebbe essere dietro l’attacco alla penisola, che la Russia controlla dal 2014.

Le esplosioni odierne in una base militare vicino alla città di Dzhankoi, nella Crimea occupata dai russi, rappresentano l’inizio della “demilitarizzazione” della penisola,  lo scrive su Twitter il consigliere del capo dell’Ufficio del presidente ucraino, Mykhailo Podolyak. Lo riporta Ukrinform.

Un leader tartaro di Crimea, Refat Chubarov, ha definito le esplosioni un “colpo” che potrebbe essere sentito “lontano oltre la steppa”.

Il ministero della Difesa russo ha affermato che l’incendio è scoppiato in un deposito temporaneo di munizioni vicino al villaggio di Maiske (o Mayskoye in russo) intorno alle 06:15 ora di Mosca (03:15 GMT) e che la causa era oggetto di indagine.

Il ministero della Difesa di Mosca ha affermato che non ci sono state vittime “gravi”, ma il capo regionale nominato dalla Russia Sergei Aksyonov ha visitato il sito e ha affermato che 2.000 persone sono state spostate da un villaggio vicino e due persone sono rimaste ferite.

La Crimea ha un enorme significato strategico e simbolico per Russia e Ucraina. La richiesta del Cremlino che Kiev riconoscesse la penisola come parte della Russia è stata una delle condizioni chiave per porre fine ai combattimenti, mentre l’Ucraina ha promesso di cacciare i russi dalla penisola e da tutti gli altri territori occupati.

 

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere