08 Feb, 2023

Ultimi Articoli

Ente di beneficenza britannico aiuta gli asini della Terra Santa. Spesso abbandonati quando si ammalano

- Advertisement -

AgenPress – “Guarda come mostra i denti Salwa. Sorride!” dice il veterinario palestinese Rakan Silous, accarezzando un grosso asino marrone. “Ognuno qui ha un carattere diverso.”

“Jo ama essere spazzolata, essere coccolata”, dice, passando a una creatura grigia con orecchie scure a ciuffo. “E Melanie è così calma. Le piace farsi massaggiare le gambe.”

Mentre distribuisco grosse carote, vengo rapidamente circondato da 30 simpatici asini in un rifugio a Nablus.

È l’unico del suo genere nella Cisgiordania occupata ed è gestito dall’organizzazione benefica britannica Safe Haven for Donkeys.

Mentre gli asini sono spesso associati ai tempi biblici, in particolare alla storia della Natività, molti palestinesi fanno ancora affidamento su di loro per l’agricoltura e il trasporto.

Tuttavia, c’è un problema in corso con gli animali maltrattati e abbandonati.

“Poiché la maggior parte ha un prezzo basso, se si feriscono o si ammalano l’agricoltore non ha i soldi per pagare le spese veterinarie”, spiega il dott. Rakan. “Spesso vengono semplicemente gettati per strada.”

Al rifugio, tutti gli asini sono ben nutriti, curati e sani, ma alcuni portano le cicatrici di abusi passati.

Ivy, che ha circa 18 anni, è rimasta cieca da un occhio dopo essere stata colpita con un bastone dai bambini.

L’ultimo arrivato è un soffice puledro che si pensa sia stato abbandonato per far lavorare sua madre. I giovani asini sono spesso indesiderati perché sono costosi da allevare.

Ogni anno, l’ente di beneficenza effettua circa 14.500 trattamenti gratuiti – di asini, muli, cavalli da lavoro e occasionali cammelli, capre o pecore.

“Conosco la maggior parte degli asini della Cisgiordania”, dice il veterinario. “Cerchiamo di rivisitare i luoghi ogni tre o quattro mesi”.

Sulla strada verso nord verso Burqin, attraversiamo dolci colline verdi tempestate di ulivi e ci fermiamo per controllare due asini che camminano con un pastore. Vengono sottoposti a trattamento antiparassitario e naselli imbottiti.

Nel villaggio attende una lunga fila di pazienti equini. Molti soffrono di condizioni facilmente curabili come zoccoli troppo cresciuti e denti cattivi.

“Gli asini sono molto intelligenti. Possono ricordare le voci per anni e i posti giusti dove mettere i piedi mentre camminano attraverso le montagne”, dice il dott. Rakan.

Formatosi nelle vicinanze, presso l’An-Najah University, il veterinario ha lavorato con Safe Haven for Donkeys per un decennio. Con la sua squadra effettua anche controlli veterinari settimanali al mercato degli animali di Nablus e cerca di educare gli scolari.

Quest’anno, l’ente di beneficenza ha avviato una nuova clinica mobile nel sud della Cisgiordania. Tutti i suoi servizi, che costano circa £ 10.000 ($ 12.100) al mese, sono pagati tramite donazioni.

Nel corso dei secoli gli asini sono stati una caratteristica del paesaggio locale, utilizzati come bestie da soma. La speranza qui è che con una salute e un allevamento migliori, i loro carichi possano essere resi più leggeri.

E non c’è dubbio sulla dedizione del dottor Rakan. “Spesso vengo per un controllo e rimango qui a guardare gli asini che si divertono. È così che mi rilasso.”

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere