29 Gen, 2023

Ultimi Articoli

Energia. L’Europa finanzia la guerra di Putin con l’import di petrolio greggio. 260 mln di euro al giorno

- Advertisement -

AgenPress – Le importazioni dell’UE di combustibili fossili dalla Russia dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina hanno raggiunto i 100 miliardi di euro a fine settembre.

Mentre le importazioni di carbone dalla Russia si sono fermate e le importazioni di gas sono diminuite drasticamente, l’UE continua a importare petrolio greggio, prodotti petroliferi, GNL e gasdotti per un valore di circa 260 milioni di EUR al giorno. 

A fare i conti è il Centre for Research on Energy and Clean Air, secondo il quale l’Europa ha continuato a pagare per il gas russo quanto nella prima metà del 2021 a causa dell’aumento dei prezzi pur ricevendone solo una frazione.

Una volta superato il traguardo, CREA ha pubblicato un’analisi in cui si stima che i massimali di prezzo sui combustibili fossili russi avrebbero potuto ridurre le fatture dell’importazione dell’UE dalla Russia di 11,0 miliardi di EUR dall’inizio di luglio, dopo che la misura è stata discussa per la prima volta ad alto livello al G7 Vertice. Le entrate della Russia derivanti dalle esportazioni di combustibili fossili avrebbero potuto essere ulteriormente ridotte, per un totale di 14,1 miliardi di EUR, se i massimali di prezzo fossero stati applicati a tutti i carichi di combustibili fossili trasportati verso paesi terzi a bordo di navi di proprietà o assicurate europee, oltre alle importazioni nel Unione.

A settembre l’UE è rimasta il principale importatore di combustibili fossili dalla Russia. India, Cina, Turchia e Malesia hanno registrato i maggiori incrementi rispetto ai livelli all’inizio dell’invasione dell’Ucraina.

Le esportazioni di carbone dalla Russia all’UE si sono fermate dopo l’entrata in vigore del divieto di carbone dell’UE il 10 agosto. Tuttavia, gli Stati membri dell’UE non hanno applicato la disposizione del divieto che vietava alle navi di proprietà dell’UE di trasportare carbone dalla Russia verso paesi terzi. Ciò ha consentito alle esportazioni di carbone della Russia di recuperare circa la metà della perdita del mercato dell’UE. Il principale importatore che ha recuperato il margine di manovra è stata la Turchia. Dall’inizio del divieto del carbone dell’UE, due terzi delle navi che trasportano carbone russo in Turchia sono di proprietà dell’UE, a dimostrazione del fatto che l’UE detiene il potere di limitare questo commercio o di imporre un tetto massimo di prezzo se lo desidera.

Le esportazioni russe di combustibili fossili nell’UE hanno visto un calo consistente da agosto, quando l’ ultimo rapporto ha rilevato che le esportazioni si erano stabilizzate. Le esportazioni di gasdotti, petrolio e carbone sono diminuite, mentre le esportazioni di GNL hanno mostrato pochi cambiamenti.

Le importazioni cinesi di greggio dalla Russia hanno iniziato a diminuire a settembre, probabilmente a causa del calo generale della domanda di petrolio. Le importazioni dall’India continuano a rimanere al di sotto del picco raggiunto a maggio. Il paese non ha importato quasi nessun combustibile fossile dalla Russia prima dell’inizio dell’invasione. Le importazioni di petrolio dalla Malesia sono aumentate alla fine di settembre, così come le importazioni di GNL dal Giappone e le importazioni di carbone dalla Corea del Sud.

Nel complesso, le esportazioni totali della Russia verso i paesi non UE sono rimaste sostanzialmente stabili da marzo, mentre le esportazioni dell’UE si sono dimezzate, determinando un calo complessivo del 30% delle esportazioni russe di combustibili fossili in volume.

Nell’UE, le importazioni tedesche hanno subito un brusco calo a causa dell’interruzione delle consegne di gas attraverso il gasdotto Nord Stream. Le importazioni di greggio sono rimaste sostanzialmente stabili, mentre la Grecia ha registrato un balzo nelle importazioni di prodotti petroliferi. La Francia è stato il principale importatore di GNL, con volumi invariati rispetto ad agosto. Le importazioni spagnole di GNL (mostrate sotto altri) sono diminuite dopo il picco di luglio-agosto. Sulla base della nostra analisi dei flussi di gas interni dell’Europa, la Bulgaria ha continuato a importare molto gas russo indirettamente attraverso altri paesi dell’UE nonostante Gazprom abbia interrotto le vendite nel paese.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere