03 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Energia. 80 mln di famiglie europee faticano a scaldarsi. Aumento costi energetici peggiorerà il problema

- Advertisement -

AgenPress – Milioni di persone in tutta Europa potrebbero non essere in grado di permettersi di riscaldare le proprie case quest’inverno a causa dell’impennata dei prezzi del gas e dell’elettricità .

Esperti, organizzazioni anti-povertà e attivisti ambientali avvertono che la pandemia di coronavirus e l’aumento dei prezzi hanno intensificato un problema di vecchia data legato a una combinazione di costi energetici elevati, bassi redditi familiari e case non efficienti dal punto di vista energetico.
Una recente ricerca condotta da Stefan Bouzarovski, professore all’Università di Manchester e presidente della rete di ricerca sulla povertà energetica Engager, ha scoperto che fino a 80 milioni di famiglie in tutta Europa stavano già lottando per mantenere le loro case adeguatamente calde prima della pandemia.
L’Unione Europea descrive la povertà energetica come l’impossibilità di permettersi “un adeguato comfort termico interno”. Solo quattro paesi europei – Francia, Irlanda, Slovacchia e Regno Unito – hanno definizioni ufficiali, ma gli esperti dicono che il problema è diffuso.
Ora, gli aumenti dei prezzi stanno mettendo ancora più famiglie a rischio di essere disconnesse dalla rete elettrica e del gas perché non possono pagare le bollette. Molti sono vulnerabili perché i loro redditi sono diminuiti e le bollette sono aumentate durante la pandemia. I lavoratori nel settore della vendita al dettaglio, dell’ospitalità e del trasporto aereo sono stati particolarmente colpiti e molti hanno perso il lavoro.
“Il rischio di cadere in povertà energetica all’interno della popolazione europea è il doppio del rischio di povertà generale”, ha detto Bouzarovski. 
Tra il 20 e il 30% della popolazione europea è in condizioni di povertà generale, mentre in alcuni paesi fino al 60% soffre di povertà energetica. 
La Bulgaria ha la più alta percentuale di persone povere di energia in Europa con il 31% della popolazione, seguita dalla Lituania con il 28%, con Cipro, relativamente più calda, con il 21% e il Portogallo con il 19%. La popolazione svizzera è la meno vulnerabile alla povertà energetica con lo 0,3%, seguita dall’1% della Norvegia.
Gli osservatori avvertono anche della possibilità di disordini politici se i governi non intervengono per aiutare le famiglie.
“Potrebbe esserci un aumento dei movimenti tipo ‘Gilet Jaunes’ in tutta Europa”, ha detto Bouzarovski, riferendosi alle proteste che hanno scosso la Francia negli ultimi anni.
L’aumento dei prezzi del carburante ha scatenato proteste in tutta la Bulgaria nel 2013 che hanno fatto cadere il governo e causato manifestazioni su piccola scala nel 2018.
La Francia ha annunciato un pagamento una tantum di 100 euro (116 dollari) a quasi 6 milioni di famiglie che già ricevono buoni energetici dal governo. La Spagna si è mossa per tagliare le tasse sull’energia delle famiglie e imporre una tassa su alcuni fornitori di energia.
Il governo italiano ha impegnato fino a 3 miliardi di euro (3,5 miliardi di dollari) per sovvenzionare fino a 5,5 milioni dei suoi cittadini più vulnerabili.
Il governo eliminerà alcune spese fisse dalle bollette dei consumatori, che i fornitori utilizzano per coprire le spese generali relative ai sussidi alle energie rinnovabili.
Il commissario europeo per l’Energia Kadri Simson ha dichiarato all’inizio di questo mese che “ci sono strumenti” che i paesi dell’UE possono utilizzare per affrontare la situazione.
- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere