29 Set, 2022

Ultimi Articoli

Elezioni e caccia. Apertura anticipata, Enpa, regalo dei “politici”  a cacciatori e armieri, strage di uccelli

AgenPress – Una barbarie che condannerà a morte decine di migliaia di uccelli selvatici, compresi i piccoli che ancora sono nel pieno periodo della dipendenza dai genitori: questa è in sintesi l’ apertura anticipata della stagione venatoria che quasi tutte le regioni – da nord a sud, dal Veneto alla Calabria passando per la Sardegna da Toscana e Lazio, l’Umbria e l’Abruzzo e via dicendo – hanno adottato dal 1 di settembre, tra l’altro in piena stagione turistica.

Un regalo dei “politici”  a cacciatori e armieri, per rincorrere i consensi delle lobby.
“Nonostante  il disastro climatico, la distruzione degli habitat, gli incendi, la siccità, la perdita di tanti animali selvatici,  e nonostante la tutela dell’ambiente e della biodiversità sia entrata in Costituzione, in campagna elettorale la tutela della fauna è un argomento tabù. Un fragoroso silenzio ha accompagnato, infatti, l’adozione di pessimi calendari venatori o delibere dell’ultimo minuto per consentire spari anticipati, impedendo alle associazioni animaliste e ambientaliste di impugnarle in tempo utile.”

Dagli stessi candidati che propagandano amore e pene severe su cani e gatti, ci piacerebbe sapere cosa ne pensano dei cani da caccia che riempiono i canili, abbandonati dai cacciatori perché  troppo vecchi o poco abili a fiutare le tracce, o dei tanti costretti  in gabbia sette mesi all’anno o lasciato in totale solitudine, durante il periodo in cui l’attività venatoria cessa. Vorremo anche sapere cosa provano nei confronti degli animali uccisi: specie in conclamato declino, come la tortora –  che l’Europa vorrebbe addirittura fuori dalla caccia, o il colombaccio, che ha in questo periodo i  piccoli immaturi, nella fase di dipendenza dai genitori, destinati quindi a morire di fame, dopo una lunga agonia. È questo, ci domandiamo, l’amore nei confronti degli animali tanto sbandierato? Condannare a morte i genitori dei selvatici con i propri piccoli?”

L’ENPA ricorda che la tutela della fauna ha la priorità rispetto a pratiche “ludico-ricreative” come la caccia, e che questa estate eccezionalmente calda ha già causato la morte di centinaia di migliaia di animali. Da tempo, la comunità scientifica ha espresso la propria contrarietà agli spari e alle preaperture, ma le regioni hanno scelto di ignorare questi pareri e andare avanti per la loro strada.

“E’ ora che nell’agenda politica la fauna, l’ambiente, e la biodiversità- come vuole la Costituzione- trovino una giusta collocazione, non certo quella data dalla Lega e FDI che promettono la revisione – o meglio, distruzione – della legge 157 del 1992 per consentire più spari. Basta con la vecchia  politica: gli animali non sono fantocci da esibire per i like e tantomeno bersagli da offrire alla mercé di chi si vuole divertire uccidendo. Gli animali, tutti, hanno diritto alla vita”.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere