04 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Cremlino. Putin, Kiev ora cessi il fuoco, siamo pronti ai negoziati, ma non cederemo le Regioni annesse

- Advertisement -

AgenPress – Vladimir Putin ha avviato il processo di annessione di parti dell’Ucraina dicendo che avrebbe firmato leggi per assorbirle nonostante la condanna internazionale e proteggere le regioni di nuova costituzione usando “tutti i mezzi disponibili”.

In un discorso che precede la cerimonia di firma del trattato per rendere quattro regioni ucraine parte della Russia, Putin ha avvertito che il suo Paese non rinuncerà mai alle aree occupate e le proteggerà come parte del suo territorio sovrano.

Ha esortato l’Ucraina a sedersi per colloqui per porre fine ai combattimenti, ma ha avvertito severamente che la Russia non avrebbe mai ceduto il controllo delle regioni di Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhzhia. Ha accusato l’Occidente di alimentare le ostilità come parte del suo piano per trasformare la Russia in una “colonia” e in una “folla di schiavi”.

La cerimonia arriva tre giorni dopo il completamento dei “referendum” orchestrati dal Cremlino sull’adesione alla Russia che sono stati respinti da Kiev e dall’Occidente come una presa di terra a viso scoperto, tenuta sotto tiro e basata su bugie.

L’evento nell’opulenta Sala di San Giorgio bianco e oro del Cremlino è stato organizzato per Putin e i capi delle quattro regioni dell’Ucraina per firmare trattati per le aree che si uniranno alla Russia, in una forte escalation del conflitto di sette mesi.

Le regioni separatiste di Donetsk e Luhansk nell’Ucraina orientale sono state sostenute da Mosca da quando ha dichiarato l’indipendenza nel 2014, settimane dopo l’annessione della penisola di Crimea all’Ucraina. La regione meridionale di Kherson e parte della vicina Zaporizhzhia sono state catturate dalla Russia subito dopo che Putin ha inviato truppe in Ucraina il 24 febbraio.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere