06 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Corno d’Africa. 80 mln di persone saranno colpite dalla siccità entro fine anno. 9 mln di animali morti

- Advertisement -

AgenPress – Kenya, Somalia ed Etiopia potrebbero dover affrontare un periodo più lungo di carenza di cibo dopo un quinto anno consecutivo di siccità nelle loro regioni più aride.

Un rapporto situazionale dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (Ocha) afferma che almeno 36 milioni di persone nel Corno d’Africa saranno colpite dalla siccità entro questo ottobre e il numero potrebbe salire a 80 milioni entro la fine del anno se le piogge non migliorano.

Anche se la siccità potrebbe non portare la carestia – la diffusa scarsità di cibo può causare la fame – Ocha afferma che due distretti nella regione della baia della Somalia meridionale si stanno avvicinando a questo livello.

Ocha riferisce che le piogge per i prossimi mesi saranno scarse come nelle stagioni precedenti.

L’agenzia delle Nazioni Unite afferma che attualmente l’Etiopia è la più colpita, con 24,1 milioni di persone che necessitano di aiuti alimentari, poiché la siccità è esacerbata dal conflitto nel Tigray.

Altri 7,8 milioni in Somalia e 4,2 milioni in Kenya hanno bisogno di cibo. Messo insieme, il numero è due volte su base annua rispetto al 2021.

A margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite,  i paesi si sono impegnati ad aiutare la Somalia, con gli aiuti statunitensi per lo sviluppo internazionale (USAid) che hanno promesso 151 milioni di dollari per cibo e “resilienza e ripresa economica”.

“Un’azione internazionale congiunta all’inizio della crisi avrebbe potuto fermare la diffusione della fame. Abbiamo urgente bisogno di sostegno per prevenire la carestia”, ha affermato Abdirahman Abdishakur, inviato speciale della Somalia per la risposta alla siccità.

Ocha, tuttavia, ha osservato che mentre la siccità può aver distrutto le fonti di cibo, le crisi globali sono responsabili degli alti prezzi dei generi alimentari.

Almeno nove milioni di capi di bestiame sono morti nei tre paesi, interrompendo un’ancora di salvezza cruciale per le comunità di pastori, secondo l’ultimo rapporto speciale sulla siccità del gruppo di lavoro sulla sicurezza alimentare e la nutrizione.

“La gravità e la durata di questa siccità rappresentano una minaccia esistenziale per le comunità di pastori nelle zone più colpite. L’esperienza mostra che una famiglia di pastori impiega almeno cinque anni per ricostruire il proprio gregge dopo una siccità. Tuttavia, con molte famiglie che hanno perso tutto il loro bestiame durante questa siccità, alcuni potrebbero essere costretti a lasciare la pastorizia”.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere