10 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Congo. Rapiti dal Santuario degli animali tre piccoli scimpanzé. Chiesto il riscatto, impossibile da pagare

- Advertisement -

AgenPress – Un santuario per animali nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) sta affrontando richieste di riscatto, dopo che i rapitori hanno rapito tre dei suoi piccoli scimpanzé .

“Questa è la prima volta al mondo che i cuccioli di scimmia sono stati rapiti a scopo di riscatto”, ha detto venerdì alla Galileus Web Franck Chantereau, fondatore del santuario in cui è avvenuto il rapimento.

Il suo santuario, chiamato Young Animals Confiscated in Katanga (abbreviato in JACK in francese), si trova a Lubumbashi, vicino al confine tra la Repubblica Democratica del Congo e lo Zambia, su una rotta chiave dal Congo al Sud Africa attraverso la quale le scimmie vengono contrabbandate verso il resto del mondo.

I rapitori hanno fatto irruzione nel santuario intorno alle 3 del mattino del 9 settembre, ha detto Chantereau, e hanno portato via tre dei cinque piccoli scimpanzé che aveva salvato finora quest’anno: César, Hussein e Monga. In seguito ha trovato gli altri due nascosti in cucina.

Un’ora dopo l’irruzione, la moglie di Chantereau ha ricevuto tre messaggi e un video degli scimpanzé rapiti dai rapitori.

“Ci hanno detto che avevano programmato di rapire i miei figli perché avrebbero dovuto venire qui in vacanza. Ma non sono venuti, quindi i rapitori hanno preso questi tre scimpanzé in ostaggio e ci hanno chiesto una grande quantità di riscatto”, ha detto Chantereau.

I rapitori hanno affermato di aver drogato gli scimpanzé e minacciato di ferirli se Chantereau non avesse pagato il riscatto.

“Ovviamente, è impossibile per noi pagare il riscatto”, ha detto Chantereau. “Non solo non abbiamo i soldi, ma devi capire che se andiamo per la loro strada, potrebbero benissimo farlo di nuovo in due mesi, e inoltre non abbiamo alcuna garanzia che ci restituiranno gli scimpanzé”.

“Ci sono 23 santuari in tutto il continente che fanno questo. Se paghiamo il riscatto, potrebbe creare un precedente e dare idee ad altri, quindi dobbiamo essere estremamente vigili”.

“Non cederemo a questo tipo di richiesta”, ha detto venerdì alla Galileus Web Michel Koyakpa, consigliere per i media del ministro dell’ambiente della Repubblica Democratica del Congo.

“(Il rapimento) è disumano e innaturale”, ha detto Koyakpa. Le autorità stanno ancora indagando e cercando di identificare i rapitori, nella speranza di trovarli nei prossimi giorni o settimane.

Il rapimento è “il primo del suo genere nella storia della Repubblica Democratica del Congo”.

Tuttavia, questa non è la prima volta che il santuario di Chantereau viene preso di mira. Mesi dopo la sua fondazione nel 2006, un gruppo di persone ha fatto irruzione durante la notte e ha dato fuoco al posto letto dei cuccioli di scimpanzé, uccidendo due dei cinque che si trovavano lì in quel momento.

Nel settembre 2013, il centro educativo del santuario è stato dato alle fiamme, ma non ci sono state vittime.

Sono passate quasi due settimane dall’ultima volta che Chantereau ha ricevuto prove dai rapitori che gli scimpanzé erano ancora vivi ed è preoccupato.

“Non possiamo tornare alla nostra vita quotidiana, siamo completamente devastati”, ha detto.

Ma Chantereau ha detto che il rapimento non scuoterà la sua determinazione a salvare i cuccioli di scimpanzé dalle grinfie dei contrabbandieri.

“Per catturare gli scimpanzé, devono uccidere l’intera famiglia nella giungla, di solito tra le 8 e le 10 scimmie individuali, e molte scimmie moriranno prima di raggiungere la loro destinazione finale”, ha detto Chantereau.

Molti degli acquirenti dei bambini di contrabbando sono persone benestanti che vogliono tenere animali esotici nelle loro case.

“Non capiscono le conseguenze delle loro azioni perché per un bambino piccolo che arriva nelle loro mani, almeno 10 sono stati uccisi”.

È anche pericoloso, poiché gli scimpanzé crescono rapidamente e uno scimpanzé adulto può uccidere un essere umano adulto a mani nude.

Chantereau non ha speranze per il futuro. “So che sfortunatamente (rapimento) accadrà sempre più spesso”.

“Tutti questi animali stanno diventando sempre più rari nella foresta. Noi nei santuari, abbiamo animali, sono sani. È chiaro che è molto più facile per queste persone attaccarci”.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere