10 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Codacons: Boom per alimentari a settembre listini salgono dell’11,8%

- Advertisement -

AgenPress. Nuovo record per i prezzi dei prodotti alimentari, con i listini del comparto che a settembre registrano una crescita su anno del +11,8%. Lo denuncia il Codacons, che ha rielaborato gli ultimi dati sull’inflazione forniti dall’Istat.

Ancora una volta in testa ai prodotti che hanno registrato gli aumenti più pesanti troviamo l’olio di semi, i cui prezzi crescono in media a settembre del +60,5% rispetto allo scorso anno – analizza il Codacons – Il burro rincara del 38,1%, la margarina del 26,5% e il riso del 26,4%. Latte conservato e farina costano oltre il 24% in più, mentre la pasta aumenta del 21,6%, lo zucchero del 18,4%, i gelati del 18,2%. Forti tensioni anche per i prezzi della verdura fresca che salgono in media del 16,7%, delle uova (+16,6%) e del pollame (+16,5%).

Tra i prodotti più rincarati a settembre, figurano anche le patatine fritte (+15,1%), il pane (+14,6%), e latticini come yogurt (+13,8%) e formaggi (+12,4%). Non si salvano nemmeno acqua e bevande: l’acqua minerale aumenta del 12,9%, i succhi di frutta dell’11,8%.

Considerata la ripartizione della spesa delle famiglie per le varie categorie alimentari, un nucleo di 4 persone si ritrova oggi a spendere in media 190 euro in più all’anno per pane e cereali, 152 euro in più per la carne, 68 euro in più per il pesce. La spesa per latte, formaggi e uova sale complessivamente di 133 euro, quella per la verdura di 140 euro, mentre la frutta costa in media 48,5 euro in più. Per acque minerali, bevande analcoliche e succhi di frutta ogni famiglia deve mettere in conto una maggiore spesa da 44 euro, +53 euro per oli e grassi.

Anche a settembre caro-bollette e guerra in Ucraina spingono al rialzo i prezzi degli alimentari, incidendo in modo pesante su una spesa primaria per le famiglie – afferma il Codacons – Un trend destinato purtroppo a peggiorare: i rialzi delle tariffe elettriche scattati ad ottobre e l’aggiornamento mensile e non più trimestrale delle bollette del gas avranno impatti negativi diretti sui prezzi al dettaglio, determinando ulteriori rincari da qui a fine anno.

“Di questo passo le tavole degli italiani saranno sempre più vuote e le famiglie dovranno rinunciare al cibo per far quadrare i conti a fine mese. Una vergogna per un paese civile e un allarme che non è più solo economico ma anche sociale – afferma il presidente Carlo Rienzi – Per tale motivo riteniamo necessario un intervento sulla fiscalità dei generi di prima necessità, a partire da un taglio dell’Iva sui beni alimentari, e un criterio di calcolo delle tariffe energetiche che tenga conto soprattutto degli interessi degli utenti, più che delle società fornitrici”.

RINCARI ALIMENTARI SETTEMBRE

olio di semi 60,5%

burro 38,1%

margarina 26,5%

riso 26,4%

latte conservato 24,5%

farina 24,2%

pasta 21,6%

zucchero 18,4%

gelati 18,2%

verdura fresca 16,7%

uova 16,6%

pollo 16,5%

latte fresco parz. scremato 15,3%

patatine fritte 15,1%

pane  14,6%

yogurt 13,8%

acque minerali 12,9%

latte fresco intero 12,4%

formaggi 12,4%

salse e condimenti 12,3%

pesce surgelato 12,1%

succhi di frutta  11,8%

patate 10,7%

frutti di mare 10,2%

pesce fresco 9,3%

carne 9,3%

confetture 9,3%

olio d’oliva 9,3%

caffè 8,2%

frutta fresca 7,9%

 

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere