09 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Clima. Unfcc. Il mondo va verso +2,5 C al 2100. Piani climatici restano insufficienti. Sono necessarie azioni più ambiziose

- Advertisement -

AgenPress – Un nuovo rapporto delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici mostra che i paesi stanno piegando al ribasso la curva delle emissioni globali di gas serra, ma sottolinea che questi sforzi rimangono insufficienti per limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5 gradi Celsius entro la fine del secolo .

E’ quanto riporta un nuovo rapporto dell’Unfccc, l’agenzia dell’Onu per il clima.

Secondo il rapporto, gli impegni combinati sul clima di 193 parti nell’ambito dell’accordo di Parigi potrebbero mettere il mondo sulla buona strada per un riscaldamento di circa 2,5 gradi Celsius entro la fine del secolo.

Il rapporto di oggi mostra anche che gli impegni attuali aumenteranno le emissioni del 10,6% entro il 2030, rispetto ai livelli del 2010. Questo è un miglioramento valutazione dello scorso anno, che ha rilevato che i paesi sono sulla buona strada per aumentare le emissioni del 13,7% entro il 2030, rispetto ai livelli del 2010.

L’analisi dell’anno scorso ha mostrato che le emissioni previste continuerebbero ad aumentare oltre il 2030. Tuttavia, l’analisi di quest’anno mostra che, sebbene le emissioni non aumentino più dopo il 2030, non stanno ancora dimostrando la rapida tendenza al ribasso che la scienza ritiene necessaria in questo decennio.

Il rapporto del 2018 del Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici ha indicato che le emissioni di CO2 dovevano essere ridotte del 45% entro il 2030, rispetto ai livelli del 2010. 

“La tendenza al ribasso delle emissioni prevista entro il 2030 mostra che le nazioni hanno compiuto alcuni progressi quest’anno”, ha affermato Simon Stiell, segretario esecutivo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. “Ma la scienza è chiara, così come i nostri obiettivi climatici nell’ambito dell’accordo di Parigi. Non siamo ancora vicini alla portata e al ritmo delle riduzioni delle emissioni necessarie per metterci sulla buona strada verso un mondo di 1,5 gradi Celsius. Per mantenere vivo questo obiettivo, i governi nazionali devono rafforzare ora i loro piani d’azione per il clima e implementarli nei prossimi otto anni”.

Il cambiamento climatico delle Nazioni Unite ha analizzato i piani d’azione per il clima, noti come contributi determinati a livello nazionale(NDC) – di 193 parti dell’accordo di Parigi, inclusi 24 nuovi o aggiornati NDC presentati dopo la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Glasgow (COP 26) fino al 23 settembre 2022. Nel loro insieme, i piani coprono il 94,9% del totale dei gas serra globali emissioni nel 2019.

“Alla conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici tenutasi a Glasgow lo scorso anno, tutti i paesi hanno concordato di rivedere e rafforzare i loro piani climatici”, ha affermato Stiell. “Il fatto che dalla COP 26 siano stati presentati solo 24 piani climatici nuovi o aggiornati è deludente. Le decisioni e le azioni del governo devono riflettere il livello di urgenza, la gravità delle minacce che stiamo affrontando e la brevità del tempo che ci resta per evitare le devastanti conseguenze del cambiamento climatico incontrollato”.

Questo è il secondo rapporto del genere delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, che fornisce un aggiornamento critico arapporto di sintesi dell’NDC inaugurale dello scorso anno. Sebbene i risultati complessivi del rapporto siano netti, ci sono barlumi di speranza.

La maggior parte delle parti che hanno presentato NDC nuovi o aggiornati ha rafforzato il proprio impegno a ridurre o limitare le emissioni di gas serra entro il 2025 e/o il 2030, dimostrando una maggiore ambizione nell’affrontare i cambiamenti climatici.

Un secondo rapporto delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici sulle strategie di sviluppo a basse emissioni a lungo termine, anch’esso pubblicato oggi, ha esaminato i piani dei paesi per passare a emissioni nette zero entro o intorno alla metà del secolo. Il rapporto indicava che le emissioni di gas serra di questi paesi potrebbero essere inferiori di circa il 68% per cento nel 2050 rispetto al 2019, se tutte le strategie a lungo termine fossero attuate completamente in tempo.

Le attuali strategie a lungo termine (che rappresentano 62 parti dell’accordo di Parigi) rappresentano l’83% del PIL mondiale, il 47% della popolazione mondiale nel 2019 e circa il 69% del consumo totale di energia nel 2019. Questo è un forte segnale che il mondo inizia a puntare a emissioni nette zero.

Il rapporto rileva, tuttavia, che molti obiettivi dello zero netto rimangono incerti e rimandano al futuro dell’azione critica che deve aver luogo ora. Un’azione ambiziosa per il clima prima del 2030 è urgentemente necessaria per raggiungere gli obiettivi a lungo termine dell’accordo di Parigi.

Con la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP 27) proprio dietro l’angolo, Stiell ha invitato i governi a rivedere i loro piani climatici e a rafforzarli al fine di colmare il divario tra dove si stanno dirigendo le emissioni e dove la scienza indica che dovrebbero essere in questo decennio.

“La COP 27 è il momento in cui i leader globali possono riprendere slancio sul cambiamento climatico, fare il necessario perno dai negoziati all’attuazione e andare avanti nella massiccia trasformazione che deve avvenire in tutti i settori della società per affrontare l’emergenza climatica”, ha affermato.

Stiell sta esortando i governi nazionali a partecipare alla COP 27 per mostrare come faranno funzionare l’accordo di Parigi nei loro paesi d’origine attraverso la legislazione, le politiche e i programmi, nonché come coopereranno e forniranno supporto per l’attuazione. Chiede inoltre alle nazioni di compiere progressi alla COP 27 in quattro aree prioritarie: mitigazione, adattamento, perdite e danni e finanza.

“La COP27 sarà lo spartiacque mondiale dell’azione per il clima”, ha affermato Sameh Shoukry, ministro degli Affari esteri egiziano e presidente designato della COP27. “Il rapporto delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici e prima ancora dell’IPCC è un promemoria tempestivo per tutti noi. Aumentare l’ambizione e l’attuazione urgente è indispensabile per affrontare la crisi climatica. Ciò include la riduzione e la rimozione delle emissioni più rapidamente e in un ambito più ampio dei settori economici, per proteggerci da impatti climatici avversi più gravi e da perdite e danni devastanti”.

“Il rapporto di sintesi è una testimonianza del fatto che siamo fuori strada per raggiungere l’obiettivo climatico di Parigi e mantenere a portata di mano gli 1,5 gradi”, ha aggiunto Shoukry. “Questo è un momento che fa riflettere e siamo in una corsa contro il tempo. Molti di coloro che dovrebbero fare di più, sono lontani dal fare abbastanza, e le conseguenze di ciò stanno influenzando vite e mezzi di sussistenza in tutto il mondo. Sono consapevole che è e dovrebbe essere un continuum d’azione fino al 2030 e poi al 2050, tuttavia, questi risultati allarmanti meritano una risposta trasformativa alla COP27”.

Il presidente della COP 26 Alok Sharma ha dichiarato: “È fondamentale fare tutto ciò che è in nostro potere per mantenere a portata di mano 1,5°C, come promesso nel patto per il clima di Glasgow. Questi rapporti mostrano che, sebbene abbiamo fatto qualche progresso – e ogni frazione di laurea conta – è necessario molto di più con urgenza. Abbiamo bisogno che i principali emettitori si facciano avanti e aumentino l’ambizione in vista della COP27″.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere