29 Gen, 2023

Ultimi Articoli

Cisgiordania. Ahmad Abu Marhia, giovane gay palestinese, ucciso e decapitato

- Advertisement -

AgenPress – La polizia palestinese ha arrestato un sospetto per l’uccisione di un uomo di 25 anni dopo che il suo corpo è stato trovato decapitato nella Cisgiordania occupata.

I gruppi LGBTQ in Israele, dove Ahmad Abu Marhia stava cercando asilo, affermano di aver ricevuto minacce perché gay.

Il video della scena del delitto a Hebron si è diffuso ampiamente sui social media sollevando speculazioni sul movente, ma la polizia dice che nulla è confermato.

I gruppi LGBTQ affermano di aver trascorso due anni in Israele in attesa di una richiesta di asilo per fuggire all’estero dopo aver ricevuto minacce di morte dall’interno della sua comunità.

I media israeliani citano gli amici della vittima dicendo che è stato rapito in Cisgiordania.

L’omosessualità è rifiutata nelle parti socialmente e religiosamente più conservatrici delle società palestinesi e israeliane. I rapporti suggeriscono che fosse fuggito dalla sua casa con un permesso umanitario mentre sperava di andare in Canada.

L’attivista Natali Farah ha detto al quotidiano israeliano Haaretz che il signor Abu Marhia era ben noto e apprezzato e che l’intera comunità LGBTQ stava “piangendo ora”.

“Tutti hanno paura”, ha aggiunto. I palestinesi hanno anche espresso repulsione per la decapitazione.

Un presentatore della stazione radio Karama, citato dal Times of Israel, ha affermato che il crimine ha “oltrepassato ogni singola linea rossa nella nostra società, in termini di moralità, costumi o umanità di base”.

Circa 90 palestinesi che si identificano come LGBT vivono attualmente come richiedenti asilo in Israele, ha affermato il quotidiano, dopo aver subito discriminazioni nelle loro comunità di origine. Gli è stato permesso di cercare lavoro in Israele solo da luglio.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere