29 Nov, 2022

Ultimi Articoli

Cina. Xi Jinping chiede una crescita militare contro gli Usa ma non parla della guerra di Putin in Ucraina

- Advertisement -

AgenPress – Il leader cinese Xi Jinping domenica ha chiesto uno sviluppo militare più rapido e non ha annunciato alcun cambiamento nelle politiche che hanno messo a dura prova le relazioni con Washington e rafforzato il controllo del Partito Comunista al governo sulla società e sull’economia.

La figura più influente della Cina negli ultimi decenni ha parlato quando il partito ha aperto un congresso che è stato seguito da vicino da aziende, governi e pubblico per segni di direzione ufficiale. Arriva in mezzo a un doloroso crollo della seconda economia più grande del mondo e tensioni con Washington e i vicini asiatici su commercio, tecnologia e sicurezza.

I piani del partito richiedono la creazione di una società prospera entro la metà del secolo e il ripristino della Cina al suo ruolo storico di leader politico, economico e culturale. Pechino ha ampliato la sua presenza all’estero, anche lanciando la Belt and Road Initiative multimiliardaria per costruire porti e altre infrastrutture in Asia e Africa, ma gli economisti avvertono che l’inversione della riforma dello stile di mercato potrebbe ostacolare la crescita.

“I prossimi cinque anni saranno cruciali”, ha detto Xi in un discorso televisivo di un’ora e 45 minuti a circa 2.000 delegati nella cavernosa Grande Sala del Popolo. Ha ripetutamente invocato il suo slogan del “ringiovanimento della nazione cinese”, che include il rilancio del ruolo del partito come leader economico e sociale in un ritorno a quella che Xi Jinping  considera un’età dell’oro dopo la sua presa del potere nel 1949.

L’ala militare del partito, l’Esercito popolare di liberazione, ha bisogno di “salvaguardare la dignità e gli interessi fondamentali della Cina”, ha detto Xi Jinping,  riferendosi a un elenco di rivendicazioni territoriali e altre questioni su cui Pechino si dice pronta a entrare in guerra. La Cina ha la seconda spesa militare al mondo dopo gli Stati Uniti e sta cercando di estendere la sua portata sviluppando missili balistici, portaerei e avamposti d’oltremare.

“Lavoreremo più velocemente per modernizzare la teoria militare, il personale e le armi. Miglioreremo le capacità strategiche dell’esercito”.

Ha citato come un successo la severa strategia “zero-COVID” del suo governo, che ha chiuso le principali città e interrotto i viaggi e gli affari. Non ha fornito alcuna indicazione di un possibile cambiamento nonostante la frustrazione pubblica per il suo costo crescente.

Ha poi affermato che il partito rafforzerà “l’autosufficienza e la forza” nella tecnologia migliorando il sistema educativo cinese e attirando esperti stranieri. Ha detto che Pechino lancerà “grandi progetti nazionali” con “importanza a lungo termine”, ma non ha fornito dettagli.

Non ha menzionato l’invasione russa dell’Ucraina, che Pechino si rifiuta di criticare. Prima dell’attacco di febbraio, Xi ha rilasciato una dichiarazione congiunta con il presidente russo Vladimir Putin dicendo che avevano un’amicizia “senza limiti”.

Ha difeso la repressione di un movimento pro-democrazia a Hong Kong, affermando che il partito ha aiutato l’ex colonia britannica a “entrare in una nuova fase in cui ha ristabilito l’ordine ed è destinata a prosperare”.

Il governo di Xi Jinping deve anche affrontare critiche per le denunce di detenzioni di massa e altri abusi contro minoranze etniche per lo più musulmane e l’incarcerazione di critici del governo.

Amnesty International ha avvertito domenica che prolungare il tempo di Xi al potere sarà un “disastro per i diritti umani”. Oltre alle condizioni all’interno della Cina, ha sottolineato gli sforzi di Pechino per “ridefinire il significato stesso dei diritti umani” nelle Nazioni Unite.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere