02 Feb, 2023

Ultimi Articoli

Cina. Per la prima volta dal 1961 diminuisce la popolazione, tasso natalità tocca il minimo storico

- Advertisement -

AgenPress – La popolazione cinese è diminuita per la prima volta in 60 anni, con il tasso di natalità nazionale che ha toccato un minimo storico: 6,77 nascite ogni 1.000 persone.

La popolazione nel 2022 – 1,4118 miliardi – è diminuita di 850.000 unità rispetto al 2021.

Il tasso di natalità in Cina è in calo da anni, spingendo una serie di politiche per rallentare la tendenza.

Ma sette anni dopo aver abolito la politica del figlio unico, è entrata in quella che un funzionario ha descritto come “un’era di crescita demografica negativa”.

Anche il tasso di natalità nel 2022 è sceso rispetto al 7,52 del 2021, secondo l’Ufficio nazionale di statistica cinese, che ha pubblicato i dati martedì.

In confronto, nel 2021, gli Stati Uniti hanno registrato 11,06 nascite ogni 1.000 persone e il Regno Unito 10,08 nascite. Il tasso di natalità per lo stesso anno in India, che sta per superare la Cina come paese più popoloso del mondo, è stato di 16,42.

Anche le morti hanno superato le nascite per la prima volta lo scorso anno. La Cina ha registrato il tasso di mortalità più alto dal 1976: 7,37 decessi per 1.000 persone, rispetto ai 7,18 dell’anno precedente.

I precedenti dati del governo avevano preannunciato una crisi demografica, che a lungo termine avrebbe ridotto la forza lavoro cinese e aumentato l’onere per l’assistenza sanitaria e altri costi di sicurezza sociale.

I risultati di un censimento decennale annunciato nel 2021 hanno mostrato che la popolazione cinese cresce al ritmo più lento degli ultimi decenni. Le popolazioni stanno diminuendo e invecchiando anche in altri paesi dell’Asia orientale, come il Giappone e la Corea del Sud.

“Questa tendenza continuerà e forse peggiorerà dopo Covid”, afferma Yue Su, principale economista dell’Economist Intelligence Unit. La signora Su è tra gli esperti che prevedono che la popolazione cinese si ridurrà ulteriormente fino al 2023.

“L’alto tasso di disoccupazione giovanile e le debolezze nelle aspettative di reddito potrebbero ritardare ulteriormente i piani di matrimonio e parto, trascinando verso il basso il numero di neonati”, ha aggiunto.

E il tasso di mortalità nel 2023 è probabilmente superiore a quello che era prima della pandemia a causa delle infezioni da Covid, ha affermato. La Cina ha visto un’ondata di casi da quando ha abbandonato la sua politica zero-Covid il mese scorso.

Le tendenze della popolazione cinese nel corso degli anni sono state in gran parte influenzate dalla controversa politica del figlio unico, introdotta nel 1979 per rallentare la crescita della popolazione.

Le famiglie che hanno violato le regole sono state multate e in alcuni casi hanno anche perso il lavoro. In una cultura che storicamente favorisce i ragazzi rispetto alle ragazze, la politica aveva portato anche ad aborti forzati e, secondo quanto riferito, a un rapporto di genere distorto dagli anni ’80.

La polizza è stata abolita nel 2016 e alle coppie sposate è stato permesso di avere due figli. Negli ultimi anni, il governo cinese ha anche offerto agevolazioni fiscali e una migliore assistenza sanitaria materna, tra gli altri incentivi, per invertire, o almeno rallentare, il calo del tasso di natalità.

Ma queste politiche non hanno portato a un aumento sostenuto delle nascite. Alcuni esperti affermano che ciò è dovuto al fatto che le politiche che hanno incoraggiato il parto non sono state accompagnate da sforzi per alleggerire l’onere dell’assistenza all’infanzia, come un maggiore aiuto per le madri che lavorano o l’accesso all’istruzione.

Nell’ottobre 2022, il presidente cinese Xi Jinping ha reso prioritario l’aumento dei tassi di natalità. Xi ha affermato in un congresso del Partito Comunista che si tiene una volta ogni cinque anni a Pechino che il suo governo “perseguirà una strategia nazionale proattiva” in risposta all’invecchiamento della popolazione del paese.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere