04 Feb, 2023

Ultimi Articoli

Cina. Le immagini satellitari mostrano la folla nei forni crematori mentre il Covid è in aumento

- Advertisement -

AgenPress – Un’impresa di pompe funebri sopraffatta a Chengdu, in Cina, ha smesso di offrire servizi funebri, prevedendo solo due minuti per ogni famiglia per salutare i propri cari prima della cremazione. Un’impresa di pompe funebri alla periferia di Pechino ha rapidamente liberato spazio per un nuovo parcheggio. Gli scalper di Shanghai hanno venduto posti in fila alle pompe funebri per $ 300 l’uno a parenti in lutto che cercavano di ottenere spazi per la cremazione.

Tuttavia, il governo cinese continua a insistere sul fatto che meno di 40 persone sono morte in Cina di covid dal 7 dicembre, quando le restrizioni “zero covid” volte a eliminare completamente il virus sono state improvvisamente eliminate e il numero di infezioni è esploso.

Un esame del Washington Post di immagini satellitari, video di prima mano pubblicati sui social media e resoconti di testimoni suggerisce che il bilancio delle vittime di covid in Cina è di gran lunga superiore al conteggio del governo, minando l’affermazione di Pechino secondo cui l’epidemia rimane sotto controllo.

Le pompe funebri in tutto il paese hanno visto un drammatico aumento dell’attività rispetto a pochi mesi fa e allo stesso periodo dell’anno scorso, mentre i veicoli consegnano i corpi e i residenti si mettono in fila per far cremare i loro cari, secondo l’analisi di The Post. Fornisce una chiara prova visiva che i registri ufficiali non riflettono l’intero bilancio dell’epidemia.

Le immagini acquisite da Maxar Technologies e fornite a The Post hanno mostrato un aumento dell’attività nelle pompe funebri in sei diverse città, da Pechino a nord a Nanchino a est, a Chengdu e Kunming a sud-ovest.

Le immagini sono coerenti con le interviste condotte da The Post con residenti cinesi in lutto e addetti alle pompe funebri. I post sui social media verificati da The Post rivelano lunghi tempi di attesa e personale sopraffatto presso strutture aggiuntive. In tutte le aree analizzate, il bilancio ufficiale delle vittime annunciato dalle autorità era a una cifra, se riportato.

“Lavoro qui da sei anni e non è mai stato così affollato”, ha detto un addetto alla reception dell’impresa di pompe funebri Jiangnan a Chongqing, nel sud-ovest della Cina, che ha descritto lunghe file di auto in attesa di entrare nella struttura durante i giorni appena prima e dopo Natale.  I congelatori erano pieni e tutti e otto gli inceneritori funzionavano 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

In Cina, quando un membro della famiglia muore a casa o in ospedale, i parenti di solito chiamano un’impresa di pompe funebri o una terza parte per ritirare il corpo. Si registrano, spesso di persona, con un certificato di morte e l’identificazione del loro defunto parente prima che gli venga assegnata una fascia oraria per la cremazione – il modo principale in cui i defunti vengono gestiti nelle città cinesi – e il servizio funebre.

Non è raro che le pompe funebri siano più affollate durante i mesi invernali. Ma il volume di traffico visto nelle immagini satellitari, insieme a video e foto che mostrano una calca di persone in attesa all’interno e all’esterno di queste strutture, suggeriscono un’attività superiore a quella osservata durante periodi comparabili nell’ultimo anno.

I furgoni distintivi comunemente usati come carri funebri erano tra i veicoli identificati nelle riprese satellitari e nei video verificati da The Post. I filmati di lunghe code notturne fuori dalle pompe funebri indicano che alcuni membri della famiglia hanno aspettato tutta la notte per prendere accordi per il loro defunto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

File di persone fuori dai crematori che aspettano di entrare con i loro cari uccisi dal Covid. Sono le immagini satellitari shock pubblicate in esclusiva dal Washington Post. Le foto riguardano sei metropoli – tra le quali Pechino, Nanchino e Chengdu – e sono state catturate all’inizio e alla fine di dicembre. La differenza tra i due momenti è evidente. Nell’immagine ripresa il 24 dicembre, ad esempio, in uno dei crematori della capitale è comparso un nuovo parcheggio per far fronte all’afflusso di clienti.

Secondo la ricostruzione del Washington Post, il parcheggio nel crematorio di Tongzhou, alla periferia di Pechino, è stato realizzato attorno al 22 dicembre. Due giorni dopo, il giorno in cui è stata ripresa l’immagine dal satellite, c’erano oltre 100 auto parcheggiate con la polizia a regolare il traffico. Il quotidiano americano rivela, inoltre, che stando ad un rapporto del giornale governativo Youth Daily, poi cancellato, nella struttura si cremavano 150 cadaveri al giorno.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere