03 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Cina. Il peggior nemico di Xi Jinping è sé stesso. Come Putin soffre della sindrome dell’uomo forte

- Advertisement -

AgenPress – L’economia critica. La disoccupazione  alle stelle. I blocchi infiniti di Covid stanno devastando le imprese e la vita delle persone. Il settore immobiliare è in crisi. I legami tra Pechino e le maggiori potenze mondiali sono in crisi.

L’elenco dei problemi affrontati dalla seconda economia più grande del mondo continua e molte di queste sfide a lungo termine sono solo peggiorate in un decennio di governo di Xi Jinping . Eppure la presa del leader cinese sul potere è incrollabile.

Nell’ultimo decennio, Xi ha consolidato il controllo in misura mai vista dall’era del fondatore dell’uomo forte della Cina comunista, Mao Zedong . È il capo del Partito Comunista Cinese, dello Stato, delle forze armate e di così tanti comitati che è stato soprannominato “presidente di tutto”. E ora, è pronto a entrare in un terzo mandato al potere che infrange le norme, con il potenziale per governare per tutta la vita.

“Penso che il peggior nemico della longevità di Xi Jinping nel governare la Cina sia lo stesso Xi Jinping”, ha affermato Steve Tsang, direttore del SOAS China Institute di Londra. “È quando commette un enorme errore politico che provoca il caos in Cina che potrebbe potenzialmente avviare il processo di svelamento del potere di Xi Jinping”.

Quando Xi Jinping ha assunto il potere nel 2012, l’economia cinese era in piena espansione poiché si integrava più strettamente con il resto del mondo. Solo quattro anni prima, la Cina aveva sbalordito il mondo con le stravaganti Olimpiadi estive di Pechino. Ma per Xi, il partito era in uno stato di crisi: invaso da corruzione, lotte intestine e inefficienze.

La soluzione di Xi era tornare al governo dittatoriale e personalista. Ha epurato i nemici politici in una vasta campagna anticorruzione, ha messo a tacere il dissenso interno, ha abolito i limiti del mandato presidenziale e ha sancito il “Pensiero Xi Jinping” nella costituzione del partito.

Secondo gli analisti, molte dittature cadono in un modello di abuso di potere e scarso processo decisionale quando la mancanza di consigli critici raggiunge il leader. Indicano la guerra sempre più costosa di Vladimir Putin contro l’Ucraina come una preoccupazione che il potere altrettanto indiscutibile di Xi al presidente russo potrebbe un giorno portare a conseguenze altrettanto disastrose.

Putin e Xi Jinping “soffrono dello stesso problema della sindrome dell’uomo forte, ovvero che hanno trasformato i loro circoli di consigli politici in camere d’eco, quindi le persone non sono più in grado di esprimere liberamente la loro opinione”, ha detto Tsang. “Stiamo assistendo a grossi errori perché il dibattito politico interno è stato ridotto o addirittura eliminato in termini di portata”.

“Il Partito Comunista Cinese non si autodefinisce più come un partito di sviluppo, ponendo lo sviluppo economico come suo obiettivo primario. Ma invece, è la presa del potere di Xi Jinping”, ha detto Susan Shirk, direttrice del 21st Century China Center e autrice di “Overreach”, un libro sulla leadership di Xi, afferma che i leader cinesi “competino tra loro per dimostrare quanto sono leali nei suoi confronti perché Xi promuove i lealisti, non le persone più competenti. ” Ciò porta i subordinati a esagerare nell’esecuzione delle politiche per cercare di compiacere Xi”. 

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere