04 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Cina. 13 anni di carcere al magnate sino-canadese Xiao Jianhua, per uso illegale di fondi e corruzione

- Advertisement -

AgenPress –  Il magnate sino-canadese Xiao Jianhua, scomparso da un hotel di Hong Kong a inizio 2017, è stato condannato a 13 anni di carcere per reati finanziari da un tribunale di Shanghai al termine del processo partito a luglio. Xiao, tra i miliardari più controversi del Dragone, con stretti legami con le alte sfere del Partito comunista, era sparito alla vigilia del Capodanno lunare del 2017 dall’hotel Four Seasons di Hong Kong con un blitz degli agenti cinesi, quando a Pechino non era permesso di operare nell’ex colonia.

Xiao è stato giudicato colpevole di “aver assorbito illegalmente depositi pubblici, per l’uso illegale di fondi e per corruzione”, ha chiarito una nota diffusa dalla Corte intermedia del popolo n.1 di Shanghai.

A suo carico inoltre, è stata comminata una multa di 6,5 milioni di yuan (962.500 dollari) e la sua società Tomorrow Holding un’altra di 55,03 miliardi di yuan (8,09 miliardi di dollari).

“Gli atti criminali di Tomorrow Holdings e Xiao Jianhua hanno gravemente danneggiato l’ordine di gestione finanziaria, messo in serio pericolo la sicurezza finanziaria del Paese, violato gravemente l’integrità del personale statale e dovrebbero essere severamente puniti secondo la legge”, ha affermato la corte.
Ma ha aggiunto che Xiao e Tomorrow Holdings si sono “costituite, confessato i loro crimini e aiutato con il recupero dei beni”, e quindi possono ricevere una punizione più clemente.
Xiao era uno degli uomini più ricchi della Cina e controllava il Tomorrow Group, una massiccia holding con partecipazioni in banche, assicurazioni e promotori immobiliari. 
Secondo Hurun, che analizza la ricchezza cinese, Xiao aveva un patrimonio netto di $ 6 miliardi e si classificava al 32esimo posto nella sua lista dei ricchi del 2016, una classifica equivalente alla lista di Forbes sui paperoni Usa e globali, con un patrimonio personale stimato allora in quasi 6 miliardi di dollari. Xiao era a capo di un impero finanziario basato su Tomorrow Holdings, una conglomerata con interessi nella finanza, nelle assicurazioni, nel carbone e nel cemento, riuscendo a conquistare anche la posizione di broker – secondo alcune ricostruzioni – della leadership comunista.
La corte ha affermato che Xiao e Tomorrow Holdings hanno donato azioni, immobili, contanti e altri beni a funzionari governativi per un valore di circa 100 milioni di dollari in 20 anni fino al 2021.
Xiao, noto per i suoi stretti legami con alcune delle famiglie politiche più potenti della Cina, è stato sequestrato nel 2017 da agenti di sicurezza cinesi dalla sua stanza all’hotel Four Seasons di Hong Kong e portato nella Cina continentale.
Una persona a conoscenza del rapimento ha detto alla Galileus Web che c’è stata una piccola colluttazione in hotel tra due dozzine di funzionari della sicurezza cinesi e gli stessi dettagli di sicurezza di Xiao, che in genere contavano circa otto guardie del corpo per turno. La fonte ha chiesto di rimanere anonima a causa della natura politicamente delicata del caso. Xiao non è stato visto in pubblico da quel giorno.
Xiao era uno dei tanti magnati cinesi che si erano trasferiti a Hong Kong e si erano stabiliti in appartamenti privati ​​presso l’hotel a 5 stelle Four Seasons durante la repressione di Xi sugli eccessi aziendali.
La scomparsa di Xiao ha suscitato un’onda d’urto nell’élite business community di Hong Kong, dove è stata ampiamente interpretata come un segnale che la città non era più fuori dalla portata dell’apparato di sicurezza della terraferma.
Il mese scorso, l’ambasciata canadese a Pechino ha dichiarato  che il processo a Xiao, un cittadino canadese, si sarebbe svolto senza accesso consolare. “Il Canada ha fatto diverse richieste per partecipare al processo del cittadino canadese, il signor Xiao Jianhua. La nostra presenza è stata negata dalle autorità cinesi”.
Un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha affermato venerdì che Xiao ha la cittadinanza cinese e, poiché la Cina non riconosce la doppia cittadinanza, Xiao non ha diritto alla protezione consolare di un altro paese.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere