27 Set, 2022

Ultimi Articoli

Carlo III in Irlanda del Nord, prima volta da re. Elisabetta “non ha mai smesso di pregare per il popolo irlandese

AgenPress – Re Carlo ha fatto visita a Belfast, il primo re britannico a mettere piede nell’Irlanda del Nord da 77 anni.

Accompagnato dalla regina consorte, il re è atterrato all’aeroporto di Belfast City poco prima di mezzogiorno, dove è stato accolto da Chris Heaton-Harris, il segretario dell’Irlanda del Nord, e da Dame Fionnuala Mary Jay-O’Boyle, il lord luogotenente di Belfast.

È la quarantesima visita di Carlo in Irlanda del Nord, ma la prima come monarca. La regina Elisabetta II ha visitato l’ultima volta l’Irlanda del Nord nel 2016. Ha fatto la sua prima visita ufficiale nella regione come principessa Elisabetta nel 1945 insieme ai suoi genitori, il re Giorgio VI e la regina Elisabetta, nell’ambito di un “Tour della vittoria” dopo la seconda guerra mondiale.

Carlo ha detto che sua madre, la regina, era consapevole del proprio ruolo.

Mia madre ha sentito profondamente il significato del ruolo che ha svolto nel riunire coloro che la storia aveva separato e nel tendere una mano per rendere possibile la guarigione di ferite di lunga data.

Ha detto che si sarebbe dedicato a un ruolo simile, dicendo:

Proprio all’inizio della sua vita di servizio, si è impegnata a dedicarsi al suo Paese e al suo popolo ea mantenere i principi del governo costituzionale. Questa promessa mantenne con fede salda.

Ora, con quel fulgido esempio per me, e con l’aiuto di Dio, assumo i miei nuovi doveri deciso a cercare il benessere di tutti gli abitanti dell’Irlanda del Nord.

Ha ringraziato l’Irlanda del Nord per le condoglianze e ha detto che sua madre non ha mai smesso di pregare per i momenti migliori per il popolo dell’Irlanda del Nord, “i cui dolori la nostra famiglia aveva provato” in riferimento alla morte di Earl Mountbatten nel 1979.

Alex Maskey, presidente dell’assemblea dell’Irlanda del Nord, ha espresso le condoglianze al nuovo re, dicendo: “Durante questo periodo di lutto pubblico per la regina Elisabetta, siamo consapevoli che tu e la tua famiglia siete addolorati per la morte di una madre, una nonna e bisnonna”.

“Naturalmente, non possiamo mai dimenticare che negli ultimi decenni, troppi hanno vissuto tragedie e dolori che non li lasceranno mai. Abbiamo assistito a grandi sforzi per costruire un futuro pacifico… per quanto frustrante a volte possa essere”, ha aggiunto Maskey.

La regina Elisabetta non fu un’osservatrice lontana della trasformazione e del progresso delle relazioni tra queste isole. Ha dimostrato con orgoglio che atti individuali di leadership positiva possono aiutare ad abbattere le barriere e incoraggiare la riconciliazione. La regina Elisabetta ha mostrato che un piccolo ma significativo gesto – una visita, una stretta di mano, attraversare la strada o pronunciare qualche parola in irlandese può fare un’enorme differenza e cambiare atteggiamenti e costruire relazioni. Il suo riconoscimento dei cittadini britannici e irlandesi e della più ampia diversità della nostra comunità è stato senza dubbio significativo.

Naturalmente, tali atti di leadership non sono privi di rischi o della necessità di coraggio e determinazione per portarli a termine. Rappresento l’assemblea eletta di una società che ha lottato con l’eredità del nostro passato e come uscirne senza lasciare indietro coloro che hanno sofferto.

Durante la sua visita a Dublino, la regina Elisabetta ha detto che qualunque cosa la vita ci riserverà, le nostre risposte individuali saranno ancora più forti per lavorare insieme e condividere quel carico. Facciamo attenzione a questo. Mentre ricordiamo la leadership positiva della regina Elisabetta, riflettiamo tutti sul fatto che tale leadership è ancora necessaria. E cerchiamo di essere abbastanza onesti con noi stessi da riconoscere che troppo spesso, quella leadership è mancata quando era più richiesta.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere