29 Set, 2022

Ultimi Articoli

Birmania. A Myanmar elicotteri del regime sparano contro una scuola, 13 vittime, tra queste sette bambini

AgenPress – Elicotteri governativi hanno colpito una scuola nel centro-nord del Myanmar, uccidendo almeno 13 persone, tra cui sette bambini, in quello che sarebbe stato l’attacco ai bambini più mortale da quando la giunta ha preso il potere l’anno scorso , hanno affermato un dirigente scolastico e un operatore umanitario.

La dirigente scolastica Mar Mar ha detto che stava cercando di portare gli studenti in nascondigli sicuri quando due dei quattro elicotteri Mi-35 governativi in ​​bilico a nord del villaggio di Let Yet Kone a Tabayin, a circa 110 km (70 miglia) a nord-ovest di Mandalay, hanno iniziato ad attaccare Venerdì.

Ha detto che gli elicotteri hanno iniziato a sparare con mitragliatrici e armi più pesanti contro la scuola, che ospita 240 studenti dall’asilo all’ottavo anno e si trova nel complesso del monastero buddista del villaggio.

Le Nazioni Unite hanno documentato 260 attacchi a scuole e personale educativo da quando i militari hanno estromesso il governo eletto di Aung San Suu Kyi nel febbraio dello scorso anno, ma questo sarebbe il numero più alto di bambini uccisi.

Mar Mar ha detto che non si aspettava problemi, dal momento che l’aereo era già stato sopra il villaggio senza incidenti.

“Dal momento che gli studenti non avevano fatto nulla di male, non avrei mai pensato che sarebbero stati brutalmente colpiti da mitragliatrici”, ha affermato Mar Mar.

Quando lei, gli studenti e gli insegnanti sono riusciti a rifugiarsi nelle aule, un insegnante e uno studente di 7 anni erano già stati colpiti al collo e alla testa.

“Hanno continuato a sparare nel complesso dall’aria per un’ora. Non si sono fermati nemmeno per un minuto. Tutto quello che potevamo fare in quel momento era cantare i mantra buddisti”.

Quando l’attacco aereo si è fermato, ha detto che circa 80 soldati sono entrati nel complesso del monastero, sparando contro gli edifici.

I soldati hanno quindi ordinato a tutti nel complesso di uscire dagli edifici. Mar Mar ha detto di aver visto circa 30 studenti con ferite su schiena, cosce, volti e altre parti del corpo. Alcuni studenti avevano perso gli arti.

“I bambini mi hanno detto che i loro amici stavano morendo”, ha detto, aggiungendo che alcuni studenti feriti le hanno detto che stavano soffrendo così tanto che volevano morire.

Almeno sei studenti sono stati uccisi nella scuola e anche un ragazzo di 13 anni che lavorava in una pescheria in un villaggio vicino è stato colpito a morte da colpi di arma da fuoco. Almeno sei adulti sono stati uccisi anche in altre parti del villaggio, ha detto. I corpi dei bambini morti sono stati portati via dai soldati.

Più di 20 persone, tra cui nove bambini feriti e tre insegnanti, sono state prese dai soldati, ha detto. Due dei catturati sono stati accusati di essere membri della Forza di difesa popolare antigovernativa, il braccio armato della resistenza ai militari.

Un volontario a Tabayin che assiste gli sfollati, che ha chiesto di non essere identificato per paura di rappresaglie del governo, ha detto che i corpi dei bambini morti sono stati cremati dai soldati nella vicina cittadina di Ye U.

Mar Mar si è nascosta nel villaggio con i suoi tre figli da quando è fuggita per mettersi in salvo per evitare la repressione del governo dopo aver partecipato lo scorso anno a un movimento di disobbedienza civile contro la presa di potere militare.

“Ora ne parlo alla comunità internazionale perché voglio un risarcimento per i nostri figli”, ha detto Mar Mar.

Anche Myanmar Now, un servizio di notizie online e altri media indipendenti del Myanmar hanno riferito dell’attacco e della morte degli studenti.

Il giorno dopo l’attacco, il quotidiano statale Myanma Alinn ha riferito che le forze di sicurezza erano andate a controllare il villaggio dopo aver ricevuto informazioni che i membri delle Forze di difesa popolare si stavano nascondendo lì.

Secondo l’Associazione di assistenza ai prigionieri politici con sede in Thailandia, che monitora i diritti umani in Myanmar, almeno 2.298 civili sono stati uccisi dalle forze di sicurezza da quando l’esercito ha preso il potere l’anno scorso.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere