06 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Attivisti pro democrazia protestano in tutto il mondo contro le politiche di Pechino su Hong Kong, Tibet e Xinjiang

- Advertisement -

AgenPress – Gruppi di attivisti in tutto il mondo hanno protestato contro la violazione dei diritti umani in Cina nel 73° anniversario della fondazione del Paese.

Durante il fine settimana si sono svolte proteste in diverse città della Gran Bretagna. Con un numero crescente di hongkonghesi che si sono trasferiti nel Regno Unito dopo che il paese ha lanciato un programma di visto che offre ai titolari di passaporto nazionale britannico (d’oltremare) e alle loro famiglie un percorso verso la cittadinanza, sabato e domenica sono state avvistate folle in città tra cui Londra e Liverpool in segno di protesta.

Secondo un video pubblicato dalla giornalista Jasmine Leung, centinaia di persone si sono radunate a Piccadilly Circus nel West End di Londra. Le persone sono state viste sventolare bandiere, inclusa la bandiera tibetana, la bandiera non ufficiale della regione dello Xinjiang e alcune altre contenenti lo slogan di protesta di Hong Kong “Liberate Hong Kong, rivoluzione dei nostri tempi”.

Lo slogan, coniato dall’attivista Edwin Leung nel 2016, è stato reso popolare durante le proteste del disegno di legge di estradizione del 2019.

La Cina è stata anche condannata a livello internazionale per presunte violazioni dei diritti umani nello Xinjiang contro gli uiguri e altre minoranze a maggioranza musulmana. Un rapporto delle Nazioni Unite pubblicato ad agosto afferma che “sono state commesse gravi violazioni dei diritti umani” nella regione della Cina nord-occidentale.

I manifestanti a Londra si sono radunati anche fuori dall’ambasciata cinese. Alcuni sono stati filmati mentre gridavano slogan, tra cui “Vergogna, vergogna, vergogna cinese”.

Le manifestazioni si sono svolte anche negli Stati Uniti. Alex Chow, ex segretario generale della Federazione degli studenti di Hong Kong, è apparso sabato alla protesta a Washington DC.

“Protestare  significa, sfortunatamente, che i territori occupati non sono ancora stati restituiti o garantiti autonomia e libertà ai gruppi oppressi e minacciati dal [governo] della RPC”, Chow detto su Twitter.

Sabato si sono tenute proteste anche a Taiwan.

Henry Tong, che si è trasferito a Taiwan dopo essere stato assolto dalla rivolta insieme a sua moglie per le proteste del 2019 a Hong Kong, ha organizzato una marcia a Taipei.

I partecipanti hanno marciato mentre sventolavano bandiere di protesta e Tong è stato filmato mentre impugnava un peluche di Winnie the Pooh con una foto della faccia del leader cinese Xi Jinping incollata,  come ha mostrato un live streaming della protesta pubblicato sulla pagina Facebook di Tong. Il personaggio immaginario viene censurato nella Cina continentale dopo che i meme che paragonano Xi a Winnie the Pooh sono diventati un veicolo per i netizen di deridere il loro leader.

Nella folla  Tong ha spiegato gli obiettivi della manifestazione, tra cui il boicottaggio del “capitale rosso”, riferendosi alle imprese e al denaro che provengono dalla Cina continentale, la difesa dell’isola autogovernata dalla possibile invasione di Pechino, la “liberazione” di Hong Kong ed eliminando il Partito Comunista Cinese.

Sono state pianificate proteste anche in città tra cui Brisbane in Australia; Parigi in Francia; Manchester, Leeds, Birmingham nel Regno Unito; New York e San Francisco negli Stati Uniti; e Toronto e Vancouver in Canada.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere