29 Set, 2022

Ultimi Articoli

Arabia Saudita. Un’altra donna condannata a 45 anni di carcere per post contro il regime di Mohammed bin Salman

AgenPress – Un’altra donna dell’Arabia Saudita è stata condannata a decenni di carcere dal tribunale del terrorismo del regno per aver utilizzato i social media per “violare l’ordine pubblico”, secondo i documenti del tribunale visti da un gruppo per i diritti umani.

Nourah bint Saeed al-Qahtani è stata condannata a 45 anni di carcere dopo che un tribunale penale specializzato l’ha condannata per “aver usato Internet per strappare il tessuto sociale [dell’Arabia Saudita]”, secondo documenti ottenuti e esaminati da Democracy for the Arab World Now (Dawn), un’organizzazione fondata da Jamal Khashoggi.

Di Nourah al-Qahtani non si sa molto, e non risulta neanche avere al momento un account Twitter attivo. Ha ricevuto la pesante condanna in appello dopo essere stata giudicata colpevole di “aver usato Internet per lacerare il tessuto sociale del Paese” – come si legge sul documento del tribunale diffuso da Dawn – e per “violazione dell’ordine pubblico” tramite i social media, ai sensi della legge antiterrorismo e anti-criminalità informatica del Regno.

Ma la notizia della sua condanna decennale arriva settimane dopo che Salma al-Shehab, una dottoranda di 34 anni all’Università di Leeds e madre di due bambini, è stata condannata a 34 anni di carcere dopo essere tornata a casa in Arabia Saudita per una vacanza.

I documenti del tribunale nel caso Shehab hanno rivelato che era stata condannata per il presunto reato di seguire gli account Twitter di individui che “causano disordini pubblici e destabilizzano la sicurezza civile e nazionale”. In alcuni casi, ha ritwittato tweet postati da dissidenti in esilio.

Shehab ha detto a un tribunale saudita di aver subito abusi e molestie durante la sua detenzione, incluso essere stata sottoposta a interrogatori dopo aver ricevuto farmaci che l’hanno esaurita.

Nel caso di Qahtani, sembra che le autorità saudite l’abbiano imprigionata per aver “semplicemente twittato le sue opinioni”, ha affermato Abdullah Alaoudh, direttore della regione del Golfo a Dawn.

“È impossibile non collegare i punti tra l’incontro del principe ereditario Mohammed bin Salman con il presidente Biden il mese scorso a Gedda e l’aumento degli attacchi repressivi contro chiunque osi criticare il principe ereditario o il governo saudita per abusi ben documentati”, ha aggiunto Alaoudh.

Le leggi saudite sono progettate per dare alle autorità la massima discrezionalità, incluso il potere di detenere individui per leggi antiterrorismo vagamente definite come “disturbo dell’ordine pubblico” e “minaccia per l’unità nazionale”.

 

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere