05 Ott, 2022

Ultimi Articoli

Arabia Saudita. Ritwitta account dissidenti contro Mohammed bin Salman. Condannata a 34 anni di carcere

AgenPress – Salma al-Shehab, una dottoranda saudita di 34 anni, iscritta all’Università di Leeds nel Regno Unito, è stata condannata a 34 anni di carcere da funzionari sauditi per aver seguito e ritwittato gli account di dissidenti e i loro tweet.

Era a casa in Arabia Saudita in vacanza quando è stata arrestata. Il governo saudita l’ha accusata di utilizzare un sito Internet per “causare disordini pubblici e destabilizzare la sicurezza civile e nazionale”. 

Salma al-Shehab, 34 anni, madre di due bambini piccoli, è stata inizialmente condannata a tre anni di carcere per il “reato” di aver utilizzato un sito Internet per “causare disordini pubblici e destabilizzare la sicurezza civile e nazionale”. Ma lunedì una corte d’appello ha emesso la nuova sentenza – 34 anni di carcere seguiti da 34 anni di divieto di viaggio – dopo che un pubblico ministero ha chiesto alla corte di prendere in considerazione altri presunti reati.

La sentenza del tribunale speciale per terroristi saudita è stata emessa settimane dopo la visita del presidente degli Stati Uniti Joe Biden in Arabia Saudita , che gli attivisti per i diritti umani avevano avvertito potrebbe incoraggiare il regno a intensificare la repressione dei dissidenti e di altri attivisti pro-democrazia.

Ciò ha sollevato preoccupazioni tra gli attivisti per i diritti umani in tutto il paese e in tutto il mondo poiché il caso di Salma diventa l’ultimo esempio di come il principe ereditario Mohammed bin Salman alias MBS usi il suo potere per reprimere i dissidenti.

Salma non era un dissidente di alto profilo. Nella sezione bio dei suoi account sui social media su Twitter e Instagram, Salma si descrive come igienista dentale, educatrice medica, studentessa di dottorato all’Università di Leeds e docente alla Princess Nourah bint Abdulrahman University, e come moglie e madre dei suoi figli, Noah e Adamo.

Secondo una traduzione degli atti del tribunale  le nuove accuse includono l’accusa che Shehab stesse “aiutando coloro che cercano di causare disordini pubblici e destabilizzare la sicurezza civile e nazionale seguendo i loro account Twitter” e ri- twittare i loro tweet. Si ritiene che Shehab possa ancora essere in grado di chiedere un nuovo appello nel caso.

Il suo profilo Twitter ha mostrato che aveva 2.597 follower. Tra i tweet sul burnout da Covid e le foto dei suoi figli piccoli, Shehab a volte ritwittava i tweet di dissidenti sauditi che vivevano in esilio, che chiedevano il rilascio dei prigionieri politici nel regno. Sembrava sostenere il caso di Loujain al-Hathloul, un’importante attivista femminista saudita che era stata precedentemente incarcerata, sarebbe stata torturata per aver sostenuto i diritti di guida per le donne e ora vive sotto un divieto di viaggio.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere