28 Set, 2022

Ultimi Articoli

Anche l’Italia nel gruppo che visiterà la centrale Zaporizhzhia. Si distribuiscono pillole di iodio per le radiazioni

AgenPress – Mentre i bombardamenti hanno intensificato i timori per un incidente nucleare alla centrale di Zaporizhzhia , sabato le autorità ucraine hanno intensificato le esercitazioni di emergenza e si sono affrettate a distribuire ioduro di potassio, un farmaco in grado di proteggere le persone dal cancro alla tiroide indotto dalle radiazioni, per decine di migliaia di persone che vivono vicino alla struttura.

In un paese ancora ossessionato dalla memoria del disastro nucleare di Chernobyl del 1986, i funzionari hanno esortato il pubblico a non farsi prendere dal panico anche se i complessi negoziati per consentire a un team di scienziati dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica di visitare l’impianto controllato dalla Russia nel sud-est dell’Ucraina hanno preso su una maggiore urgenza.

L’agenzia, l’organismo di controllo nucleare delle Nazioni Unite, ha riunito un team di esperti per recarsi a Zaporizhzhia, la più grande centrale nucleare d’Europa, già la prossima settimana.

 Nel team di esperti selezionato dall’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica per la centrale di Zaporizhzhia c’è anche l’Italia. Lo riporta il New York Times sottolineando che della squadra fa parte il capo dell’Aiea Rafael Mariano Grossi e fra gli altri 13 esperti non sono rappresentati né gli Stati Uniti né la Gran Bretagna. La missione dell’Aiea include esperti dalla Polonia e dalla Lituania ma anche dalla Serbia e dalla Cina. Gli altri paesi rappresentanti sono l’Albania, la Francia, l’Italia, la Giordania, il Messico e la Macedonia del Nord.

Il quartier generale dell’AIEA a Vienna ha rifiutato di commentare la missione pianificata. Un portavoce ha confermato che l’agenzia era “in consultazioni attive per un’imminente missione dell’AIEA” presso l’impianto.

Ma anche se i dettagli di una possibile visita allo stabilimento prendevano forma, Russia e Ucraina si sono nuovamente incolpate a vicenda per aver messo in pericolo la struttura, che si trova nel mezzo di una zona di guerra.

Le autorità hanno iniziato a distribuire le pillole di iodio come precauzione alle persone che vivono entro 35 miglia dall’impianto. Quell’area, che ospita circa 400.000 persone sia nel territorio ucraino che in quello occupato dalla Russia, sarebbe maggiormente a rischio in caso di fuoriuscita accidentale di radiazioni.

Il ministro della salute ucraino, Viktor Liashko, ha avvertito in un’apparizione alla televisione nazionale che le persone non avevano bisogno di acquistare le pillole, “poiché abbiamo acquistato il farmaco esattamente nel dosaggio raccomandato dai nostri ricercatori”.

“Una pillola sarà sufficiente per la prima fase. Questo è tutto”, ha detto. “Ma al momento, se non viene distribuito alle persone, è solo perché non è necessario farlo, o per garantire che le persone non lo prendano a scopo preventivo, per paura”.

Lo ioduro di potassio, noto anche con il simbolo chimico KI, viene utilizzato per saturare la tiroide con iodio in modo che lo iodio radioattivo inalato o ingerito non venga trattenuto.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere