27 Set, 2022

Ultimi Articoli

Afghanistan. Talebani sparano in aria contro protesta donne che chiedevano “pane, lavoro e libertà”

AgenPress – Diverse donne hanno tenuto una manifestazione nell’area Charai Sedarat di Kabul, dove hanno chiesto giustizia e difesa dei diritti delle donne.

I manifestanti hanno scandito lo slogan “pane, lavoro e libertà” e hanno esortato il governo ad interim a rispettare i diritti delle donne e delle ragazze.

Portavano un cartello con scritto: ‘Il 15 agosto è un giorno nero’. Durante il raduno hanno anche intonato lo slogan: ‘Giustizia, giustizia, siamo stufe di ignoranza’. Molte di loro non avevano il viso coperto dal velo.

I manifestanti hanno detto che le forze dell’Emirato islamico hanno sparato in aria.

“Abbiamo fatto una protesta. I talebani hanno violato la nostra protesta. Hanno sparato in aria e hanno trattenuto le ragazze per circa due o tre ore. (Le forze dell’Emirato islamico) hanno sequestrato i loro telefoni”, ha detto un manifestante.

“Le donne afghane non toglieranno le mani dalle loro lotte e lotte”, ha detto un manifestante.

Le forze dell’Emirato islamico hanno arrestato giornalisti stranieri e un giornalista di TOLOnews, che stavano seguendo le proteste.

Il giornalista di TOLOnews è stato rilasciato dopo essere stato trattenuto per sei ore.

“Hanno preso la mia macchina fotografica e volevano trattenermi, ma fortunatamente ho trovato un modo per scappare”, ha detto Ahmadshah, un cameraman di TOLOnews.

“Durante la protesta di oggi, un giornalista di TOLOnews è stato trattenuto dalle forze di sicurezza della zona per quasi cinque ore. Il nostro cameraman è stato picchiato. Gli è stata presa la macchina fotografica, che non abbiamo ancora ricevuto. Non siamo contenti di questa azione e la consideriamo contraria alla libertà di parola e ai media indipendenti”, ha affermato Zirak Faheem, vicedirettore di TOLOnews.

“Tali detenzioni causano l’indebolimento della libertà di parola e causano la distanza tra giornalisti, media ed emirato islamico. L’unico modo per superarlo è formare la commissione di violazione dei media. Quindi, ogni volta che c’è un problema, sarà affrontato attraverso questa commissione”, ha affermato Fawad Beroz, vice capo dell’Unione dei giornalisti indipendenti dell’Afghanistan.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere