29 Set, 2022

Ultimi Articoli

Afghanistan. “Sbalorditiva repressione” di donne e ragazze. Rischio matrimoni precoci e sfruttamento sessuale

AgenPress – Un esperto delle Nazioni Unite ha affermato lunedì che i diritti umani si sono deteriorati sotto l’Emirato islamico, descrivendo una “sbalorditiva repressione” di donne e ragazze e una “discesa verso l’autoritarismo”, mentre le donne afghane hanno esortato l’organismo globale ad agire.

Richard Bennett, il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani in Afghanistan, ha chiesto cambiamenti radicali nel Paese.

“La grave revoca dei diritti delle donne e delle ragazze, le rappresaglie contro oppositori e critici e la repressione della libertà di espressione da parte dell’Emirato islamico equivalgono a una discesa verso l’autoritarismo”, ha detto in una riunione del Consiglio per i diritti umani.

Il portavoce dell’Emirato islamico Zabiullah Mujahid in una dichiarazione ha definito i commenti di Bennett “di parte e lontani dalla realtà”, affermando che i diritti delle donne, delle minoranze e dei diritti umani sono attualmente protetti nel Paese.

“Esaminando il rapporto, è ovvio quanto chiaramente questa grande organizzazione internazionale venga utilizzata in modo improprio e vengano pubblicate informazioni sbagliate al suo indirizzo??! Condanniamo e definiamo deplorevole che dichiarazioni irresponsabili e controverse vengano pubblicate all’indirizzo delle Nazioni Unite contro l’Emirato islamico”, si legge nella dichiarazione.

L’ambasciatore dell’Afghanistan Nasir Ahmad Andisha, che rappresenta il governo precedente  è andato oltre, descrivendo un “apartheid di genere” nel Paese.

Diverse donne afghane si sono rivolte allo stesso incontro, inclusa l’attivista per i diritti Mahbouba Seraj, che ha esortato il consiglio di 47 membri a istituire un meccanismo per indagare sugli abusi.

“Dio solo sa che tipo di atrocità non vengono denunciate”, ha detto nella stanza piena di diplomatici delle Nazioni Unite a Ginevra. “E voglio che venga segnalato perché questo non è giusto. Mondo: questo non è giusto. Per favore, per favore, devi fare qualcosa al riguardo.”

Ha descritto di aver incontrato un funzionario dell’Emirato islamico per le strade della capitale Kabul e di sentirsi invisibile: “Non esisto davanti a lui. Non io. Tutte noi, le donne di quel paese. Non esistiamo. Lui solo ci guarda e poi basta. Siamo cancellati. Sai qual è quella sensazione? Per essere cancellati?”

La maggior parte delle scuole secondarie femminili in Afghanistan è stata chiusa da quando l’Emirato islamico è subentrato nell’agosto 2021 dopo che il gruppo ha fatto un’improvvisa inversione di marcia sulla promessa di aprirle a marzo.

Il vicesegretario generale per i diritti umani, Ilze Brands Kehris, ha affermato che circa 850.000 ragazze hanno abbandonato la scuola, mettendole a rischio di matrimoni precoci e sfruttamento economico sessuale.

L’Emirato islamico, la cui amministrazione non è ufficialmente riconosciuta da molti governi, ha affermato che le scuole rimarranno chiuse fino a quando non verrà redatto un piano per la loro riapertura secondo la legge islamica.

Il mandato di monitorare le violazioni dei diritti umani in Afghanistan è stato stabilito dal Consiglio di Ginevra quasi un anno fa. Una bozza di risoluzione dell’Unione Europea cerca di rinnovarla e una decisione è attesa entro il 7 ottobre. 

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere