03 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Afghanistan. Rina Amiri (inviata Usa diritti umani), i talebani non possono negare alle donne istruzione e lavoro

- Advertisement -

AgenPress – Rina Amiri, inviata speciale degli Stati Uniti per le donne, le ragazze ei diritti umani afgani, ha espresso preoccupazione per la chiusura delle scuole secondarie femminili e ha affermato che sono trascorsi 400 giorni da quando alle ragazze è stato vietato di andare a scuola. Ha detto che l’attuale governo non può negare l’istruzione a metà della popolazione.

Inoltre, ha affermato che l’istruzione delle ragazze è la chiave per sollevare l’Afghanistan dalla povertà.

“I talebani non possono negare a metà della popolazione opportunità di istruzione e lavoro e pretendono di portare l’Afghanistan verso l’indipendenza economica. L’istruzione di tutti gli afgani, comprese le donne e le ragazze, è la chiave per far uscire l’Afghanistan dalla povertà e ripristinare la speranza”, ha affermato Rina Amiri.

Gli analisti ritengono che l’apertura di scuole per ragazze sia importante per migliorare le relazioni tra l’Emirato islamico e il mondo.

“L’attuale situazione dell’istruzione femminile non è accettabile e non è nell’interesse del nostro Paese, del nostro popolo e della nostra religione”, ha affermato Hassan Haqyar, analista politico.

Nel frattempo, alcune studentesse al di sopra del sesto anno hanno chiesto al governo di consentire loro di frequentare le scuole.

“Chiudere le scuole significa creare problemi all’intera nazione dell’Afghanistan”, ha affermato Huma, uno studente.

“Aprire scuole significa raggiungere obiettivi e nessuno può impedirci di ottenere i nostri diritti”, ha detto liala, una studentessa.
L’enfasi dell’Emirato islamico sul fatto che non sono contrari all’istruzione femminile e si sta valutando la riapertura delle scuole femminili oltre il sesto anno.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere