04 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Afghanistan. Portata in salvo Parwana, 9 anni, sposa in cambio di cibo. “Mi trattavano male e mi facevano lavorare”

- Advertisement -

AgenPress – Guidando attraverso un passo di montagna innevato, la giovane madre si rannicchia insieme ai suoi sei figli sul sedile posteriore di un’auto dopo aver lasciato il loro campo di fortuna nel nord-ovest dell’Afghanistan.

Portando solo una coperta per scaldarsi, Parwana Malik, 9 anni, si tiene in equilibrio sulle ginocchia di sua madre accanto ai suoi fratelli, mentre la famiglia viene salvata da un gruppo di aiuto che salva le ragazze dal matrimonio precoce.
“Sono davvero felice”, ha detto Parwana durante il viaggio. “La (beneficenza) mi libera da mio marito e mio marito è vecchio”.
Il mese scorso, la CNN ha riferito che Parwana e diverse altre ragazze minorenni venivano vendute dai loro padri in modo che altri membri delle loro famiglie potessero mangiare.
All’epoca, il padre di Parwana, Abdul Malik, disse che lei aveva pianto giorno e notte, pregandolo di non venderla, dicendo che invece voleva andare a scuola e studiare.
Dopo una protesta internazionale a causa della storia della CNN, Parwana è stata restituita alla sua famiglia a causa del contraccolpo della comunità contro l’acquirente.
Dopo un viaggio di quattro ore attraverso strade di montagna, la famiglia di Parwana è arrivata a tarda notte in un piccolo hotel a Herat, la terza città più grande dell’Afghanistan. Sono stati scortati nel loro viaggio da un rappresentante locale di Too Young to Wed, insieme alla madre, Reza Gul, e suo fratello, Payinda.
Reza Gul e Payinda hanno detto alla CNN che il padre di Parwana aveva avviato la sua vendita contro la loro volontà. “Certo, ero arrabbiato, ho combattuto con lui e ho pianto”, ha detto Reza Gul. “Ha detto che non aveva alcuna opzione.”
Alla CNN è stato dato il permesso di filmare la vendita di Parwana il 24 ottobre a un uomo di 55 anni con i capelli bianchi per contanti, pecore e terreni per un valore di circa $ 2.200 (200.000 afgani).
“Mio padre mi ha venduto perché non abbiamo pane, riso e farina”, ha detto Parwana alla CNN all’epoca. “Mi ha venduto a un vecchio.”
L’acquirente, Qorban, ha detto alla CNN che sarebbe stato il suo “secondo matrimonio” e ha insistito sul fatto che Parwana sarebbe stata trattata gentilmente.
La madre di Parwana ha detto che sua figlia ha implorato di tornare a casa dalla sua famiglia ed è stata autorizzata a fare qualche visita al loro campo.
“Ha detto che l’hanno picchiata e che non voleva rimanere lì”, ha detto Reza Gul.
“Mi hanno trattato male, mi stavano maledicendo, mi svegliavano presto e mi facevano lavorare”, ha aggiunto Parwana.
Dopo che la storia della CNN sulla situazione di Parwana è stata pubblicata, l’indignazione della comunità ricevuta dall’acquirente Qorban lo ha spinto a nascondersi, secondo la famiglia. Da allora la CNN non è stata in grado di contattare lui o la sua famiglia per un commento.
In un’intervista successiva alla CNN, il padre di Parwana ha detto che anche lui è stato criticato e si è sentito sotto pressione per cambiare la sua storia sul matrimonio nelle interviste con alcuni media locali. Ha confermato la sua intervista originale con la CNN e si è scusato.
Circa due settimane dopo la sua vendita, Parwana è stata restituita alla sua famiglia, ma suo padre deve ancora l’equivalente di $ 2.200 all’acquirente. Aveva usato i proventi per pagare altri debiti.
Anche l’organizzazione no-profit Too Young to Wed (TYTW) con sede negli Stati Uniti è stata coinvolta per trasferire le ragazze, i loro fratelli e le loro madri in una casa sicura.
“Questa è una soluzione temporanea”, ha affermato Stephanie Sinclair, fondatrice di TYTW. “(Ma) in realtà quello che stiamo cercando di fare è impedire che le ragazze vengano vendute per sposarsi”.
Secondo un recente rapporto dell’IPC, che valuta l’insicurezza alimentare, entro marzo più della metà della popolazione di circa 39 milioni del Paese dovrà affrontare livelli di emergenza di fame acuta. Il rapporto stima che più di 3 milioni di bambini sotto i cinque anni soffrano già di malnutrizione acuta.
“La comunità internazionale sta voltando le spalle mentre il Paese vacilla sul precipizio di una catastrofe provocata dall’uomo”, ha affermato Dominik Stillhart, direttore delle operazioni per il Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR), appena tornato da una visita di sei giorni all’Afghanistan.
Anche prima che i talebani prendessero il sopravvento, la fame era dilagante nel paese impoverito, e ora le ragazze stanno pagando il prezzo con i loro corpi e le loro vite.
“Le ragazze afgane (stanno) diventando il prezzo del cibo”, ha detto alla CNN l’attivista per i diritti delle donne afghane Mahbouba Seraj. “Perché altrimenti la loro famiglia morirà di fame.”
Anche se il matrimonio al di sotto dei 15 anni è illegale a livello nazionale, è stato praticato comunemente per anni, specialmente nelle zone più rurali dell’Afghanistan. E la situazione è peggiorata da agosto, poiché le famiglie sono diventate più disperate.
“Di solito c’è molta miseria, ci sono molti maltrattamenti, ci sono molti abusi coinvolti in queste cose”, ha detto Seraj, aggiungendo che alcune ragazze costrette a sposarsi muoiono durante il parto perché i loro corpi sono troppo piccoli per farcela. “Alcuni di loro non ce la fanno. Per lo più muoiono piuttosto giovani.”
Le donne sono state a lungo trattate come cittadini di seconda classe in Afghanistan, che è stato classificato come il peggior paese al mondo per le donne nel 2021 Women, Peace and Security Index.
E da quando i talebani hanno preso il sopravvento, molti dei diritti fondamentali per i quali le donne avevano combattuto negli ultimi due decenni sono stati strappati via.
Sono stati imposti limiti all’istruzione delle ragazze, le donne sono bandite da alcuni luoghi di lavoro e le attrici non possono più apparire nelle fiction televisive.
Dopo due notti in hotel, la famiglia è stata trasferita da Too Young alla squadra di Wed in una casa sicura vicina: la prima esperienza di Parwana di vivere in una vera casa. Negli ultimi quattro anni, la famiglia ha vissuto in una tenda in un campo per sfollati interni (IDP) a Qala-e-Naw, nella provincia di Badghis.
“Mi sento così felice in questa casa”, ha detto Parwana alla CNN. “Mi hanno dato una nuova vita”.
“Mi sento felice e al sicuro qui”, ha detto Reza Gul. “I miei figli mangiano bene da quando siamo arrivati, stanno giocando e noi ci sentiamo felici”.
La famiglia rimarrà in casa durante i mesi invernali e sarà supportata e protetta da TYTW, che esegue regolarmente questo tipo di soccorso.
Il piano a lungo termine per la famiglia di Parwana non è ancora chiaro, ha aggiunto Stephanie Sinclair di TYTW, e dipenderà dai finanziamenti per il rifugio.
“E’ un imperativo morale che la comunità internazionale non abbandoni le donne e le ragazze dell’Afghanistan”, ha detto Sinclair. “Ogni vita è importante e le vite che possiamo salvare (potranno) miglioreranno l’esperienza di tutta la loro famiglia e della loro comunità”.
- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere