07 Ott, 2022

Ultimi Articoli

Afghanistan. Onu, donne e ragazze affrontano un “allarmante ritiro dei loro diritti”. Scuole chiuse da un anno

AgenPress – “Donne e ragazze stanno affrontando un allarmante ritiro dei loro diritti”,. Lo ha detto Martin Griffiths, sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari umanitari e coordinatore dei soccorsi di emergenza, parlando con la CGTN TV ha affermato che la situazione delle donne e delle ragazze in Afghanistan sta regredendo.

“Le scuole femminili sono chiuse alle studentesse da un anno. Uno dei presidenti dell’India ha detto che “anche se muoio, non chiudere le scuole femminili perché una generazione perderà un giorno di istruzione”, ha detto Shabana, uno studente.

“Chiedo loro di riaprire le scuole, è un nostro diritto e dobbiamo ottenere i nostri diritti”, ha detto Parwana, un’altra studentessa.

“Aprire le scuole. Poiché l’apertura delle scuole non è né una questione religiosa né culturale, penso che l’attuale amministrazione abbia chiuso le scuole alle donne a causa di trattative politiche con gli stranieri”, ha affermato Muhsina Sabor, una maestra.

In precedenza, Amnesty International ha affermato che le donne e le ragazze sono state private dei loro diritti e devono affrontare un futuro cupo.

“Detenzioni arbitrarie, torture, sparizioni, esecuzioni sommarie sono tornate all’ordine del giorno. Donne e ragazze sono state private dei loro diritti e devono affrontare un futuro tetro, private dell’istruzione o della possibilità di prendere parte alla vita pubblica”, ha affermato Yamini Mishra, Direttore regionale per l’Asia meridionale di Amnesty International.

“Non c’è dubbio che hanno subito molte pressioni e il governo deve rivedere questi casi per determinare cosa è meglio per il popolo afgano. È positivo che ci sia pace e che le donne possano andare a scuola”, ha affermato l’università docente Tariq Farhadi.

“Le porte delle scuole sono chiuse da un anno, mentre funzionari e organizzazioni internazionali peggiorano la situazione, e nessuna di loro fa alcuno sforzo concreto per uscire da questa situazione”, ha detto Ai Noor Uzbek, attivista per i diritti delle donne.

Le scuole secondarie sono chiuse da quasi un anno. Funzionari dell’Emirato islamico hanno sempre affermato che la riapertura delle scuole femminili dipende dalla decisione del leader dell’Emirato islamico.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere