06 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Afghanistan. Le donne protestano contro il “genocidio” etnia hazara. “Brutale” aggressione dei talebani

- Advertisement -

AgenPress – L’attacco kamikaze agli studenti che si preparavano per gli esami in un’aula gremita della capitale dell’Afghanistan ha suscitato un’ondata di proteste, con giovani donne che sembrano guidare le richieste di giustizia nonostante i rischi di parlare apertamente in un paese controllato dai talebani. 

La stragrande maggioranza delle vittime dell’attacco erano giovani donne e ragazze, secondo l’ufficio delle Nazioni Unite nel paese e funzionari del Centro di istruzione superiore KAAJ che è stato colpito dall’attentato suicida.

L’attacco ha colpito il quartiere occidentale di Dasht-e-Barchi a Kabul, densamente popolato da membri dell’etnia musulmana Hazara Shitte. Gli Hazara afghani sono stati presi di mira da anni dal ramo dell’ISIS nel paese e dai talebani, i quali considerano entrambi gli Hazara come eretici. Molte persone considerano gli attacchi in corso contro la comunità atti di genocidio contro gli Hazara, uno dei gruppi etnici più grandi ma più oppressi in Afghanistan.

Negli ultimi anni, gli Hazara sono stati oggetto di una serie di massacri, compresi i precedenti attacchi a Dasht-e-Barchi, che hanno preso di mira sale per matrimoni, ospedali, centri sportivi, scuole, centri educativi e moschee.

Le proteste, guidate nella maggior parte dei casi da donne, hanno visto persone scendere in piazza durante il fine settimana cantando slogan tra cui: “La sicurezza è un nostro diritto! L’istruzione è un nostro diritto! Ferma il genocidio!”

Sui social media, l’hashtag di Twitter “StopHazaraGenocide” ha raccolto più di 1 milione di condivisioni ed è stato utilizzato da diversi membri dell’ex governo afghano, che è crollato nell’agosto 2021 quando i talebani sono tornati al potere.

“Dovremmo ammettere che il nostro popolo Hazara è stato ucciso molte volte in modo sistematico e mirato nei luoghi dell’istruzione, della salute, dello sport e delle moschee”, ha twittato l’ex vicepresidente Abdul Rahid Dostum. “Abbiamo assistito molte volte al massacro degli scolari Hazara”.

Una delle più grandi proteste, lunedì a Mazar-e-Sharif, la capitale della provincia settentrionale di Balkh, è stata guidata da studentesse universitarie. Come ogni altra protesta nel paese dall’acquisizione del potere da parte del gruppo intransigente, è stata accolta con una rapida risposta armata dalle forze di sicurezza talebane.

I video sui social media sembravano mostrare le forze talebane che bloccavano molte studentesse all’interno di un dormitorio per impedire loro di unirsi alla protesta.

“Il silenzio è tradimento”, cantavano le donne in un video mentre tentavano di sfondare una porta chiusa a chiave per uscire. Altre donne che sono arrivate nelle strade di Mazar-e-Sharif hanno cambiato: “Siamo innocenti, non ucciderci!”

“Quando rinchiudi gli studenti nei loro dormitori per farli tacere, mostra quanto hai paura delle voci delle donne”, ha detto Heather Barr, direttrice per i diritti delle donne presso il gruppo Human Rights Watch di New York, in un tweet che includeva il video.

Le proteste di domenica nelle province di Herat e Bamyan, anche in solidarietà con gli studenti Hazara uccisi nell’attacco al centro KAAJ, sono state organizzate anche dai talebani. Membri armati del gruppo hanno picchiato le donne, sparato in aria e minacciato agli studenti di avvertire che la loro università sarebbe stata trasformata in una moschea se non si fossero fermati, secondo una manifestante.

I video condivisi sui social media sembravano mostrare un membro talebano armato che afferrava una donna per una spalla e la spingeva via, e un altro che puntava una pistola contro i manifestanti con il dito sul grilletto, lanciando minacce.

Anche una protesta nella capitale Kabul è diventata violenta quando le forze talebane hanno sparato colpi in aria per disperdere i manifestanti. Una delle donne che hanno partecipato alla protesta, Parwin Nikbin, ha detto a CBS News che i talebani avevano picchiato persone lì, inclusa una che doveva essere ricoverata in ospedale.

“Hanno usato colpi di calcio [fucile] e pistole stordenti contro di noi”, ha detto Parwin. “Sono stati molto brutali e hanno minacciato di ucciderci se non ci fossimo fermati. Vogliamo i nostri diritti. Vogliamo i nostri diritti di sicurezza. Per cosa ci stai uccidendo?” chiese Parwin.

I talebani hanno ufficialmente bandito le proteste in Afghanistan dopo aver ripreso il potere più di un anno fa, ma donne e ragazze coraggiose hanno continuato a tenere proteste nonostante il rischio di arresti o violenze per rivendicare i loro diritti.

“Scene inquietanti a Kabul oggi in cui le donne – che chiedono una maggiore protezione delle loro comunità dopo l’attacco al college di venerdì nell’area di Hazara – vengono accolte da altre violenze”, ha affermato l’ufficio delle Nazioni Unite in Afghanistan, esortando i talebani “a salvaguardare i diritti di tutti gli afgani e smettere di usare le armi per impedire il diritto alla protesta pacifica”.

Nel quartiere di Dasht-e-Barchi, questa settimana era ancora appeso uno striscione appeso alle famiglie di due donne vittime dell’attentato di venerdì.

“Entrambi sognavano di studiare ingegneria per costruire, ma i loro sogni sono rimasti insoddisfatti”, recita lo striscione. Aggiunge un invito alle compagne di classe delle giovani donne a portare avanti la loro educazione nonostante i rischi e a realizzare il loro “sogno incompiuto”. 

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere