04 Feb, 2023

Ultimi Articoli

Afghanistan. Il ministero dell’Economia cerca una “soluzione equa” per far lavorare le donne nelle ONG

- Advertisement -

AgenPress – Il ministero dell’Economia ha dichiarato lunedì che sono in corso sforzi per consentire alle donne di lavorare nelle organizzazioni non governative (ONG).

Abdul Rahman Habib, portavoce del ministero, ha affermato che le donne potranno lavorare nelle ONG che richiedono la loro presenza.

“Il lavoro delle donne nelle ONG è cessato per un po’ e sono in corso sforzi per trovare una soluzione equa e permettere alle donne di lavorare dove è richiesta la loro presenza”, ha detto Habib.

Nel frattempo, Husna Raufi, proprietaria di un’attività di sartoria a Kabul, ha affermato che i suoi sforzi sono volti ad aiutare le donne fornendo loro opportunità di lavoro.

“Abbiamo avviato questa attività almeno un mese e mezzo fa in cui lavorano almeno 10 donne”, ha affermato Husna Raofi, responsabile di un laboratorio.

Nel frattempo, un certo numero di donne ha chiesto all’Emirato islamico di revocare tutte le restrizioni sulle donne nel Paese.

“Chiediamo all’Emirato islamico di permettere alle donne di lavorare e ricevere un’istruzione. Dovrebbero anche rimuovere tutte le restrizioni sulle donne”, ha detto Tamanna, una lavoratrice della sartoria.

“Chiediamo all’Emirato islamico di fornirci opportunità di lavoro”, ha detto Mursal, un lavoratore del negozio.

Alle donne è stato vietato di lavorare nelle ONG e di frequentare le università nell’ultimo mese. La decisione ha portato alla sospensione delle attività di molte agenzie umanitarie, alcune delle quali hanno ripreso parte delle loro operazioni in Afghanistan.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere