25 Set, 2022

Ultimi Articoli

Afghanistan. E’ un anno che i talebani hanno chiuso le scuole per le ragazze delle classi 7-12

AgenPress – Oggi, domenica, è un anno da quando le scuole superiori al sesto anno rimangono chiuse per le studentesse delle classi 7-12.

Dopo essere salito al potere, l’Emirato islamico ha chiuso le scuole per le studentesse oltre il sesto anno.

“Domenica segna un anno da quando alle ragazze è stato vietato di frequentare le scuole superiori in Afghanistan. Un anno di conoscenze perse e opportunità che non torneranno mai più. Le ragazze vanno a scuola”, ha detto il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres. “I talebani devono farli rientrare”.

L’emirato islamico aveva detto in precedenza che stanno lavorando a un meccanismo per aprire la strada alla riapertura delle scuole femminili. Tuttavia, la decisione finale deve ancora essere annunciata.

La chiusura delle scuole per studentesse delle classi 7-12 da parte dell’Emirato islamico ha incontrato reazioni a livello nazionale e internazionale.  

L’UNAMA in una dichiarazione di domenica ha affermato che le Nazioni Unite ribadiscono la loro richiesta alle autorità de facto del Paese di adottare misure urgenti per riaprire le scuole superiori per tutti. 

“Questo è un anniversario tragico, vergognoso e del tutto evitabile”, ha affermato il vice capo dell’UNAMA, Markus Potzel, come citato nella dichiarazione.  

“La continua esclusione delle ragazze dalle scuole superiori non ha giustificazioni credibili e non ha eguali in nessuna parte del mondo. È profondamente dannoso per una generazione di ragazze e per il futuro stesso dell’Afghanistan”, ha affermato.  

Secondo l’UNAMA, si stima che più di un milione di ragazze sia stato impedito di frequentare la scuola superiore nell’ultimo anno.  

“I talebani non sono riusciti a mantenere varie promesse che consentiranno il loro ritorno in classe. Il divieto impedisce alle ragazze di frequentare le classi da sette a dodici, colpendo principalmente le ragazze di età compresa tra i 12 ei 18 anni”, si legge nella dichiarazione.

Nella dichiarazione dell’UNAMA si legge che la negazione dell’istruzione viola i diritti più fondamentali delle ragazze e delle donne.

“Aumenta il rischio di emarginazione, violenza, sfruttamento e abusi contro le ragazze e fa parte di una più ampia gamma di politiche e pratiche discriminatorie nei confronti di donne e ragazze da quando le autorità de facto hanno assunto il potere nell’estate del 2021”, si legge nella dichiarazione. 

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere