02 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Afghanistan. Con il governo talebano chiusi 231 media, 6.400 giornaliste e giornalisti disoccupati

- Advertisement -

AgenPress – Dalla caduta dell’ex governo afghano il 15 agosto, i media in Afghanistan hanno dovuto affrontare nuove sfide che hanno portato alla chiusura di molti punti vendita e hanno causato la perdita del lavoro a molte donne reporter, Reporters Without Borders (RSF) e l’Afghan Independent Journalists Association (AIJA) ha detto mercoledì.

Un sondaggio condotto da RSF e AIJA mostra che da agosto, il 40% dei media in Afghanistan ha cessato di funzionare e l’80 percento delle donne giornaliste e lavoratrici dei media sono diventate disoccupate a causa delle restrizioni.

“Un totale di 231 media hanno dovuto chiudere e più di 6.400 giornalisti hanno perso il lavoro dal 15 agosto. Le donne giornaliste sono state le più colpite, con quattro su cinque che non lavorano più”, afferma il sondaggio.

Secondo RSF e AIJA, dei 543 media operativi entro l’inizio dell’estate 2021, solo 312 erano ancora operativi entro la fine di novembre. “Più di quattro media su dieci sono scomparsi e il 60% dei giornalisti e dei dipendenti dei media non è più in grado di lavorare. Le donne hanno sofferto molto più degli uomini: l’84% di loro ha perso il lavoro”, si legge nel rapporto del sondaggio.

Secondo queste due organizzazioni che sostengono i media, prima della caduta della repubblica, nella maggior parte delle province dell’Afghanistan operavano almeno dieci media privati, ma ora in alcune regioni non ci sono più media. 

“C’erano 10 organi di informazione nella provincia montuosa settentrionale di Parwan, ma ora ne funzionano solo tre. Nella città occidentale di Herat (la terza più grande del paese) e nella provincia circostante, solo 18 dei 51 media sono ancora operativi, con un calo del 65%. La regione centrale di Kabul, che aveva più media che altrove, non è stata risparmiata dalla carneficina. Ha perso più di uno su due media (51%). Dei 148 conteggiati prima del 15 agosto, solo 72 sono ancora operativi”, mostrano i risultati del sondaggio.

RSF e AIJA hanno affermato che le nuove restrizioni imposte ai media, in particolare le reporter donne, e le sfide economiche e finanziarie sono le due ragioni principali alla base della chiusura dei media e delle reporter disoccupate.

“Le pericolose ‘Regole del giornalismo’ aprono la strada alla censura e alla persecuzione e privano i giornalisti della loro indipendenza, costringendoli a dire ai funzionari del ministero dell’informazione e della cultura cosa vorrebbero coprire, ottenere il loro permesso per andare avanti e infine informarli sul i risultati dei loro rapporti per poterli pubblicare”, afferma il sondaggio.

“C’è un urgente bisogno di frenare la spirale che porta inevitabilmente alla scomparsa dei media afghani e di garantire che il rispetto della libertà di stampa sia una priorità”, ha affermato Reza Moini, capo del desk Iran-Afghanistan di RSF.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere