25 Set, 2022

Ultimi Articoli

Afghanistan. Bambini sfruttati nelle fornaci. 10 ore di lavoro al giorno. 4$ ogni mille mattoni costruiti

AgenPress – Nabila lavora 10 ore o più al giorno, svolgendo il lavoro pesante e sporco di imballare il fango negli stampi e trasportare carriole piene di mattoni. A 12 anni, ha lavorato in fabbriche di mattoni per metà della sua vita, ed è probabilmente la più anziana di tutte le sue colleghe.

Già alto, il numero di bambini messi a lavorare in Afghanistan è in crescita, alimentato dal crollo dell’economia dopo che i talebani hanno preso il controllo del Paese e il mondo ha interrotto gli aiuti finanziari poco più di un anno fa.

Un recente sondaggio di Save the Children ha stimato che metà delle famiglie del paese hanno messo i bambini a lavorare per mantenere il cibo in tavola mentre i mezzi di sussistenza si sgretolavano.

In nessun luogo è più chiaro che nelle numerose fabbriche di mattoni sull’autostrada a nord della capitale, Kabul. Le condizioni nelle fornaci sono dure anche per gli adulti. Ma in quasi tutti si trovano bambini di quattro o cinque anni che lavorano insieme alle loro famiglie dalle prime ore del mattino fino al buio nella calura estiva.

I ragazzi trasportano taniche d’acqua, portano gli stampi di legno pieni di fango per farli asciugare al sole. Caricano e spingono le carriole piene di mattoni secchi nel forno per la cottura, quindi respingono le carriole piene di mattoni cotti. Raccolgono attraverso il carbone fumante che è stato bruciato nel forno per i pezzi che possono ancora essere usati, inalando la fuliggine e bruciandosi le dita.

Nabila, la dodicenne, lavora nelle fabbriche di mattoni da quando aveva cinque o sei anni. Come molti altri muratori, la sua famiglia lavora parte dell’anno in una fornace vicino a Kabul, l’altra parte in una fuori Jalalabad, vicino al confine con il Pakistan.

Alcuni anni fa, è andata un po’ a scuola a Jalalabad. Vorrebbe tornare a scuola, ma non può: la sua famiglia ha bisogno del suo lavoro per sopravvivere, ha detto con un dolce sorriso. “Non possiamo pensare a nient’altro che al lavoro”.

I bambini guadagnano l’equivalente di $ 4 per ogni 1.000 mattoni che producono. Un adulto che lavora da solo non può fare quella cifra in un giorno, ma se i bambini aiutano, possono produrre 1.500 mattoni al giorno.

Secondo i sondaggi di Save the Children, la percentuale di famiglie che afferma di avere un figlio che lavora fuori casa è cresciuta dal 18% al 22% da dicembre a giugno. Ciò suggerirebbe che più di 1 milione di bambini a livello nazionale stavano lavorando. Le indagini hanno riguardato più di 1.400 bambini e più di 1.400 operatori sanitari in sette province. Un altro 22% dei bambini ha dichiarato di essere stato invitato a lavorare nell’azienda o nella fattoria di famiglia.

L’indagine ha anche indicato il crollo dei mezzi di sussistenza che gli afgani hanno subito nell’ultimo anno. A giugno, il 77% delle famiglie intervistate ha dichiarato di aver perso la metà o più del proprio reddito rispetto a un anno fa, rispetto al 61% di dicembre.

 

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere