29 Gen, 2023

Ultimi Articoli

Afghanistan. Alle donne e ragazze è vietato entrare nei parchi di divertimento a Kabul

- Advertisement -

AgenPress – Le grida di gioia dei bambini piccoli riempiono l’aria mentre si godono il brivido della ruota panoramica, degli autoscontri e delle piccole montagne russe in un parco divertimenti nel centro di Kabul.

I loro padri si siedono sulle giostre con loro, o guardano, scattano foto – rari momenti di gioia in Afghanistan, dove le notizie sono spesso così cupe.

Ma ora alle madri viene negato il diritto di condividere i ricordi che i bambini qui stanno creando. Alle donne è vietato visitare i parchi di Kabul dalla linea dura dei talebani al potere, escluse dalle piscine e dalle palestre della capitale.

Si prevede che le regole saranno estese in tutto il paese.

Mentre i talebani limitano ulteriormente ciò che possono fare, le donne e le ragazze afgane temono ciò che potrebbe accadere dopo.

Alcuni dicono che queste mosse non riguardano la maggior parte del paese, perché per la maggior parte delle persone in questo momento, una serata fuori è un lusso che non possono permettersi.

Per molte ragazze afghane, tuttavia, non si tratta dell’entità dell’impatto, ma del simbolismo della mossa e di ciò che rivela sull’intento dei talebani da quando hanno preso il potere nell’agosto 2021.

“Ogni giorno, come ragazze in Afghanistan, ci svegliamo davanti a nuove restrizioni. È come se fossimo semplicemente sedute ad aspettare la prossima”, dice una studentessa. Non è stata nominata per proteggerla.

“Sono stata fortunata ad aver finito la scuola secondaria prima che arrivassero i talebani. Ma ora ho paura che anche le università possano essere chiuse per le donne. I miei sogni finiranno”.

Di recente ha sostenuto l’esame di ammissione all’università ed è rimasta delusa nello scoprire che la materia che voleva studiare – giornalismo – non era più disponibile per le donne, parte di un’altra serie di restrizioni imposte di recente dai talebani.

“Non riesco a descrivere quanto sia difficile. A volte ti viene voglia di urlare forte”, dice la studentessa, la frustrazione evidente nella sua voce. “Mi sento senza speranza.”

Con la riduzione degli spazi per le donne in Afghanistan, alcuni stanno cercando di trovare modi per contrastare la repressione dei talebani.

L’attivista Laila Basim ha co-fondato una biblioteca per donne. Ha migliaia di libri in diverse lingue su argomenti diversi.

“Con questo vogliamo mostrare ai talebani che le donne afgane non rimarranno in silenzio e il nostro secondo obiettivo è quello di espandere la cultura della lettura di libri tra le donne, in particolare quelle ragazze che sono private dell’istruzione”.

“Il mondo ci ha voltato le spalle”, dice Laila Basim. “Potenti in tutto il mondo sostengono le donne iraniane, ma non quelle afghane.

“Quello che ci succede non fa nemmeno notizia in prima pagina. Ci sentiamo distrutti e dimenticati”.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere