04 Feb, 2023

Ultimi Articoli

Afghanistan. Agenzie umanitarie. Migliaia di cittadini moriranno a causa del divieto delle donne nelle ONG

- Advertisement -

AgenPress – Le principali agenzie umanitarie hanno avvertito che gli afghani moriranno a causa dell’ordine talebano che vieta alle donne di lavorare presso gruppi non governativi e hanno sottolineato che il personale femminile è fondamentale per la fornitura di assistenza umanitaria salvavita in aree martoriate dalla guerra Afghanistan.

La terribile previsione è arrivata dopo che il ministero dell’Economia la scorsa settimana ha affermato che le donne non possono più lavorare presso ONG internazionali o nazionali, presumibilmente perché non indossano correttamente il velo islamico, o l’hijab, sul posto di lavoro.

L’ordine è stato l’ultimo colpo ai diritti e alle libertà delle donne da quando i talebani hanno preso il potere nell’agosto 2021. La mossa ha scatenato la condanna internazionale e chiede ai talebani di revocare immediatamente la loro decisione, mentre il paese è alle prese con una spirale di crisi umanitaria, un rigido inverno , e un collasso economico.

Save the Children, Care, World Vision e il Norwegian Refugee Council hanno sospeso le loro operazioni in Afghanistan. Giovedì hanno tenuto una conferenza stampa congiunta.

“Se non siamo in grado di avviare la nostra programmazione, i bambini moriranno. Centinaia e migliaia di persone moriranno, ecco quanto è grave la situazione”, ha dichiarato Inger Ashing, CEO di Save the Children International. “Se non saremo in grado di essere presenti per gli afgani, li perderemo. Moriranno”.

Le quattro agenzie hanno anche affermato al briefing che l’Afghanistan è alle prese con una delle peggiori crisi di fame mai registrate, con 6 milioni di persone sull’orlo della carestia.

Nonostante inizialmente promettessero una regola più moderata rispettosa dei diritti delle donne e delle minoranze, i Talebani hanno ampiamente implementato la loro interpretazione della legge islamica, o Sharia, sin dalla loro conquista del paese.

Hanno bandito le ragazze dalla scuola media, dalla scuola superiore e dall’università, hanno escluso le donne dalla maggior parte dei campi di lavoro e hanno ordinato loro di indossare abiti dalla testa ai piedi in pubblico. Alle donne è vietato anche l’accesso a parchi e palestre. La società afgana, sebbene in gran parte tradizionale, negli ultimi vent’anni sotto un governo sostenuto dagli Stati Uniti ha sempre più abbracciato l’istruzione di ragazze e donne.

Le Nazioni Unite hanno affermato che alcuni dei suoi programmi “in tempi critici” sono stati temporaneamente interrotti in Afghanistan a causa della mancanza di personale femminile. Le Nazioni Unite hanno sottolineato che il suo personale femminile è fondamentale per la risposta umanitaria nel paese, l’accesso a una popolazione che gli uomini non possono e la salvaguardia delle comunità servite.

“Vietare le donne dal lavoro umanitario ha conseguenze immediate e pericolose per la vita di tutti gli afghani”, ha avvertito l’ONU nella sua dichiarazione.

“Questo avviene in un momento in cui più di 28 milioni di persone in Afghanistan, tra cui milioni di donne e bambini, hanno bisogno di assistenza per sopravvivere mentre il paese è alle prese con il rischio di condizioni di carestia, declino economico, povertà radicata e un inverno brutale”.

Il divieto delle ONG è arrivato pochi giorni dopo il divieto dell’istruzione superiore femminile, scatenando la condanna internazionale e una protesta interna.

Un ministro per l’istruzione superiore del governo talebano, Nida Mohammad Nadim, ha difeso il divieto, affermando che è necessario impedire la mescolanza dei sessi nelle università e perché, secondo lui, alcuni soggetti violano i valori islamici e afghani.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere