06 Ott, 2022

Ultimi Articoli

Afghanistan. 25 milioni di cittadini vivono in condizioni di povertà, a rischio 900mila posti di lavoro

AgenPress – L’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) nel suo recente rapporto ha affermato che circa 25 milioni di afgani vivono attualmente in condizioni di povertà e che quest’anno potrebbero essere persi 900.000 posti di lavoro.

“Ora circa 25 milioni di persone vivono in condizioni di povertà e quest’anno fino a 900.000 posti di lavoro potrebbero essere persi dal mercato del lavoro, poiché le imprese faticano a rimanere a galla e le donne e le ragazze rimangono bloccate dalla scuola secondaria e dall’economia formale”, il si legge il rapporto.

In un rapporto, l’OCHA ha affermato che, nonostante la continua assistenza umanitaria di portata e portata senza precedenti, il popolo afgano continua ad avere urgente bisogno di assistenza internazionale.

“Oggi, la tragica realtà è che la portata dei bisogni in Afghanistan supera di gran lunga la capacità di risposta degli attori umanitari per soddisfarli, e semplicemente non sarà possibile spostare la popolazione da una modalità di sopravvivenza a una prospera a meno che un’economia funzionante e un sistema bancario il sistema viene ripristinato; riprendono gli interventi a più lungo termine e più sostenibili; i ministeri di linea sono tecnicamente abilitati; le ragazze possono ufficialmente tornare a scuola; e le donne e le ragazze possono partecipare in modo significativo e sicuro a tutti gli aspetti della vita sociale, politica ed economica, compreso il lavoro umanitario”, ha affermato il coordinatore umanitario per l’Afghanistan, il dottor Ramiz Alakbarov.

Ma un funzionario ha affermato che il motivo del peggioramento della situazione economica è il congelamento dei beni afgani da parte degli Stati Uniti.

“Sostenere le industrie nazionali e lanciare iniziative economiche è il nostro modo per migliorare la situazione economica”, ha affermato Abdul Latif Nazari, vice del ministero dell’Economia.

Gli economisti hanno commentato le sfide dell’attuale situazione dell’Afghanistan.

“La grande catastrofe economica è iniziata nel 2019 e attualmente siamo in un disastro economico, con disoccupazione e povertà assoluta, nessun risparmio, un valore molto basso della valuta e prezzi alti”, ha affermato Fahim Abasi, economista.

“Il governo deve agire in questo campo e stabilire iniziative fondamentali affinché le persone possano trovare lavoro”, ha affermato Farhad Momandzai, economista.

Shabir Ahmad, residente nella provincia di Takhar, che aggiusta le scarpe per le strade di Kabul, ha detto che spesso non è in grado di comprare cibo per la sua famiglia.

“Tutti i musulmani sono disoccupati, abbiamo molte difficoltà e siamo indebitati”.

Il Norwegian Refugee Council ha anche affermato nel suo rapporto sul primo anniversario dell’Emirato islamico che il livello di fame in Afghanistan è “scioccante”.

“Nell’ultimo anno abbiamo assistito a livelli scioccanti di povertà e sofferenza in Afghanistan. Le restrizioni economiche imposte al paese e la riluttanza sia delle autorità de facto che della comunità internazionale a impegnarsi efficacemente l’una con l’altra hanno spinto milioni di afgani alla disperazione”,

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere