Europee. von der Leyen a lavoro per una nuova maggioranza. Serve continuità con i pro-Ue e pro-Ucraina

AgenPress – Ursula von der Leyen ha iniziato a cercare di creare una maggioranza per un secondo mandato come presidente della Commissione europea, dopo importanti guadagni per l’estrema destra che probabilmente significheranno un Parlamento europeo meno stabile.

Parlerò dapprima con le “grandi famiglie europee” che hanno “ben collaborato” con il Partito popolare europeo, come quella dei socialisti europei, ma lascia “porte aperte” ad altri contatti.

“Ora ci rivolgeremo alle grandi famiglie politiche che hanno collaborato bene con noi anche nell’ultimo mandato. Si tratta dei S&D, cioè i Socialisti e Democratici, e di Renew, i Liberali”, ha detto von der Leyen in una conferenza stampa congiunta a Berlino con il leader della Cdu Friedrich Merz. “Negli ultimi cinque anni abbiamo collaborato bene, questo ci ha dato una base su cui possiamo ora costruire”, ha aggiunto. “Non bisogna anche dimenticare che i gruppi nel Parlamento Europeo non si sono ancora formati. Quindi non è ancora chiaro chi sarà in quale gruppo e quanto grandi saranno i vari gruppi”, ha detto la presidente della Commissione rispondendo alla domanda se abbia escluso o meno colloqui con Fratelli d’Italia e perché non parli coi Verdi.

“In questi tempi turbolenti abbiamo bisogno di stabilità, responsabilità e continuità. Nella mia prima legislatura ho dimostrato cosa può raggiungere un’Europa forte. E il mio obiettivo è di continuare su questa strada con coloro che sono pro-europei, pro-Ucraina e pro-Stato di diritto”, ha aggiunto  nella conferenza stampa congiunta con il presidente della Cdu, Friedrich Merz a Berlino. “Insieme possiamo formare e formeremo un bastione contro gli estremismi di sinistra e di destra”, ha aggiunto ribadendo un’espressione già usata ieri sera.

Von der Leyen, una democratica cristiana tedesca, ha esultato dopo che il suo Partito popolare europeo (PPE) si è assicurato 186 dei 720 seggi alle elezioni europee , mantenendo la sua leadership di 25 anni come il gruppo più numeroso e lasciandole un percorso ristretto verso un secondo mandato .

La decisione bomba di Emmanuel Macron di indire elezioni anticipate dopo che il suo partito Rinascimentale è arrivata un triste secondo posto rispetto al Raduno Nazionale di estrema destra di Marine Le Pen in Francia.

von der Leyen, la prima donna a guidare la commissione, era la candidata principale del PPE e rimane in pole position. Con l’ulteriore incertezza delle elezioni francesi nel mix, deve superare due ostacoli. Innanzitutto ha bisogno del sostegno di una maggioranza qualificata dei leader dell’UE, poi di una maggioranza assoluta – 361 voti – nel nuovo Parlamento europeo.

Si prevede che i leader europei prendano una decisione sulla sua nomina come parte di un pacchetto di incarichi di alto livello in un vertice di due giorni che inizierà il 27 giugno, poco prima del primo turno delle elezioni parlamentari francesi del 30 giugno.

Gli addetti ai lavori di Bruxelles sono orgogliosi di non permettere che tali decisioni vengano ritardate dalle elezioni, dato che c’è sempre un voto dietro l’angolo nell’unione di 27 paesi. Un diplomatico dell’UE ha affermato che von der Leyen “era ed è tuttora il presunto presidente della Commissione per il secondo mandato” e non c’era motivo di aspettarsi un ritardo. “Macron può fare quello che vuole con le elezioni nazionali, ma non dovrebbe aspettarsi che tutti noi ci fermiamo a guardarlo fare”.

Macron discuterà del futuro di von der Leyen con il tedesco Olaf Scholz e l’italiana Giorgia Meloni a margine del vertice del G7 in Puglia alla fine della settimana (13-15 giugno). A capo della Commissione è attesa in Italia anche la von der Leyen e il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, incaricato di essere un onesto intermediario nelle trattative sull’occupazione. Questi cinque si uniranno agli altri leader dell’UE per una cena informale a Bruxelles lunedì prossimo per ampliare le discussioni, prima del vertice di fine mese.

Oltre a rivolgersi ai leader dell’UE, von der Leyen ha probabilmente un compito ancora più urgente: convincere il prossimo Parlamento europeo a sostenerla. Lunedì ha ribadito che si rivolgerà alle “principali famiglie politiche” europee per formare la sua maggioranza, riferendosi al suo stesso PPE, i Socialisti e Democratici al secondo posto con 135 seggi, e il gruppo centrista Renew con 79 seggi, secondo i risultati provvisori. lunedì pomeriggio.

Questi tre gruppi detengono 400 dei 720 seggi, ma questa maggioranza esigua non è sufficiente. Nel grande e ideologicamente disordinato Parlamento europeo formato da famiglie politiche, circa il 10-15% dei deputati regolarmente non rispetta la linea del partito. Nel 2019 von der Leyen è stata eletta con soli nove voti in più, nonostante una maggioranza cartacea di 65 voti per i gruppi che la sostenevano.

Ciò significa che deve guardare a destra o a sinistra per assicurarsi la rielezione, sia con i Conservatori e Riformisti Europei (ECR), di estrema destra euroscettici, che sono balzati a vincere 73 seggi, sia con i Verdi, che sono stati ridotti a 53 seggi.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie